Esplosione di Prešov, sono cinque le persone accusate

Dopo l’arresto lo scorso venerdì, il giudice per le convalide non ha confermato il fermo in custodia per due persone accusate di pubblica minaccia nell’esplosione di un condominio nella città di Prešov che causò a dicembre sette morti, numerosi feriti e una persona tutt’ora dispersa.

L’edificio è poi stato completamente demolito dopo aver constatato che le sue condizioni strutturali erano state fortemente danneggiate e la sua stabilità fortemente messa a rischio.

Ora i due accusati attenderanno il processo a piede libero, almeno fino al 3 marzo quando il ricorso contro la scarcerazione fatto dalla pubblica accusa sarà sottoposto al tribunale. Il giudice ha concluso che i due sono stati rilasciati perché non hanno commesso un reato intenzionale, e dunque cadono le ragioni di una carcerazione preventiva.

L’investigatore che si occupa del caso ha poi riclassificato le accuse contro altre tre persone, per le quali è già stata disposta la custodia. Dunque al momento sono cinque le persone perseguite per l’esposione dovuta a una fuga di gas che ha causato una esplosione alle parti alte di un condominio di dodici piani, diversi morti e danni alla proprietà su larga scala. 48 famiglie hanno perso definitivamente la casa. Se dichiarati colpevoli, gli imputati rischiano fino a 25 anni di carcere o addirittura l’ergastolo.

(Red)

Foto presov.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.