Due milioni evasi per contrabbando di gasolio tra Est Europa ed Italia

A seguito di una lunga attività investigativa in Italia con ricerche mirate in Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia, Ungheria, Grecia e Malta è stata sgominata una organizzazione che ha importato illecitamente oltre due milioni di litri di prodotti petroliferi di scarsa qualità destinati al mercato clandestino nazionale. L’organizzazione, rimasta attiva tra il 2015 e il 2019, faceva transitare i trasporti dai valichi del Brennero, di Tarvisio e Trieste per destinazioni in Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Abruzzo, Campania e Puglia.

Sono serviti quattro anni di indagini coordinate dalla Procura di Bolzano, con il coinvolgimento della Guardia di Finanza di Trento e gli organismi europei Europol ed Eurojust, attraverso l’emissione di numerosi ordini di indagine europei. Sono state denunciate a piede libero 49 persone per contrabbando e sequestrate 160 tonnellate di gasolio.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

La frode consisteva nel portare in Italia dei cosiddetti “designer fuels”, miscele idrocarburiche di gasolio e oli di diversa natura realizzate con allo scopo di essere classificate come oli lubrificanti o solventi/diluenti così da non pagare accise. L’imposta evasa si aggira sui due milioni di euro. In realtà tali miscele mantengono le caratteristiche del gasolio e, con l’aggiunta di modeste quantità di gasolio, possono essere impiegate per l’autotrazione, evandendo l’imposta in Italia. Si tratta tuttavia di un prodotto pessimo, poco performante e dannoso per i motori di ultima generazione.

Il gruppo era composto da italiani, polacchi, cechi, sloveni e albanesi. I carichi di idrocarburi ufficialmente proseguivano il viaggio, con la falsa documentazione per destinazioni fittizie in Malta, Cipro o Grecia, ma in realtà rimanevano in Italia e la documentazione veniva distrutta, mentre i pagamenti in genere venivano effettuati in contanti per eludere il tracciamento dell’operazione, o a volte con bonifici di società compiacenti.

(Fonti: La Voce del Nordest, Nordest24)

Foto Freeimages CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.