Il Patto delle città libere di Visegrad

Zdenek Hrib, Gergely Karácsony, Matús Vallo, Rafal Trzaskowski , rispettivamente i sindaci delle città di Praga, Budapest, Bratislava e Varsavia, sono i promotori dell’accordo, firmato a metà dicembre 2019, chiamato “Patto delle città libere” (a Buongiorno Slovacchia ne abbiamo parlato qui).

Questa collaborazione sarà relativa a campi e problematiche che sono comuni a tutte le grandi capitali europee, quali la lotta contro i cambiamenti climatici, le politiche abitative e sociali e la vivibilità in generale delle città. Ma la sovrastruttura tutta politica del patto si manifesta nell’intento di “promuovere i valori europei di democrazia, apertura e libertà”.

I primi cittadini delle capitali di Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia, tutti eletti in movimenti politici in opposizione ai rispettivi governi, si propongono così dichiaratamente di elevare il proprio ruolo politico ad un livello superiore a quello di semplici amministratori di grandi città, proclamandosi alternativa progressista ai correnti orientamenti politici ultraconservatori dei governi degli stati di cui sono capitali.

I quattro grandi paesi dell’Europa centrale di cui si parla, come è noto, formano il Gruppo di Visegrad: si tratta di un’alleanza nata nel 1991 con lo scopo originario di facilitare l’integrazione dei singoli stati nell’Unione europea (e nella NATO) e di promuoverne in generale lo sviluppo e la cooperazione.

Negli ultimi anni le occasioni di scontro del gruppo con la UE si sono moltiplicate: ricordiamo soltanto i rifiuti di aderire alle politiche migratorie comunitarie con la mancata implementazione del meccanismo di ricollocamento dei migranti, che ha portato all’apertura di una procedura d’infrazione, nonché la procedura ex art. 7 del Trattato sull’Unione europea avviata (per la prima volta nella storia) contro Polonia e Ungheria per violazione dei valori fondamentali dell’UE. […continua]

Di Paolo Pellegrini
Leggi il resto su Zeppelin

Foto FB

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.