Sondaggio Focus: l’opposizione sarebbe in grado di fare un governo

Condotto tra il 15 e il 22 gennaio, l’ultimo sondaggio dell’agenzia Focus conferma per il più grande partito di governo Smer-SD la vittoria con il 18% dei voti. Rispetto all’indagine precedente, pubblicata dieci giorni fa, Smer subisce una flessione di alcuni decimi percentuali. Al secondo posto si consolida con il 12,8% la posizione del Partito popolare Nostra Slovacchia (ĽSNS), la formazione  di Marian Kotleba alla destra estrema dell’emiciclo al suo secondo appuntamento con le elezioni nazionali, che pure perde qualche decimo, davanti a Za Ľudí (Per la gente), la nuova creazione dell’ex presidente Kiska, che ottiene il 10,8% di intenzioni di voto.

La coalizione PS-Spolu viene al quarto posto con il 9,8%, cui si accodano Gente ordinaria e Personalità indipendenti (OĽaNO) al 9% e Sme Rodina con il 7,6%. I democratici cristiani (KDH), i liberali di SaS e il Partito nazionale slovacco (SNS) chiuderebbero la lista dei partiti che entrano in Parlamento con, rispettivamente, il 5,7%, il 5,5% e il 5,2% dei voti.

Il terzo partito al governo Most-Híd, alleato in questa legislatura di Smer e SNS, rimane inchiodato al 4,4% e dunque non supererebbe la soglia minima del 5% per avere seggi in Parlamento, e una sorte simile è destinata all’altro partito ungherese MKS che avrebbe il 4% dei voti. Le due formazioni avevano tenuto lunghi negoziati la scorsa estate per una lista elettorale comune, un progetto poi fallito. Niente di nuovo anche per il partito Dobrá voľba dell’ex ministro Drucker (4%) e per Vlasť dell’ex giudice ed ex ministro Harabin (2%).

Secondo il sondaggio, tolti Smer, SNS e l’ultradestra di ĽSNS, i sei restanti partiti all’opposizione sarebbero in grado di formare un governo.

(Red)

Illustr. BS

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.