Pellegrini riceve a Bratislava il nuovo presidente dell’UE Michel, concordia su bilancio e clima

Martedì 8 gennaio il premier slovacco Peter Pellegrini ha ricevuto a Bratislava la visita del nuovo presidente del Consiglio dell’Unione europea Charles Michel. Nel corso della visita Pellegrini ha ribadito che la Slovacchia è un partner affidabile dell’Unione europea e sa bene che conto che il suo posto per il futuro non può che essere nell’UE e nella NATO. Il primo ministro ha voluto inoltre assicurare tutti gli alleati e i partner sul fatto che la Repubblica Slovacca non ha cambiato la sua chiara posizione politica per il futuro. «Rimarremo un alleato prevedibile e costruttivo, e l’unico modo in cui un piccolo paese come la Slovacchia può ottenere risultati e contribuire a decisioni importanti è far parte della famiglia europea e delle principali comunità internazionali», ha detto Pellegrini. Che ha anche toccato il tema della neutralità climatica entro il 2050, un ambizioso obiettivo europeo su cui alcuni paesi stanno cercando di frenare. Michel ha sottolineato il ruolo costruttivo della Slovacchia a livello europeo su questa questione, dopo i segnali chiari inviati da Bratislava sull’intenzione di raggiungere la neutralità climatica a livello nazionale. Una meta che, ammette Pellegrini, richiederà un costo enorme, e grandi trasformazioni economiche adeguando l’industria e la tecnologia ai nuovi obiettivi.

Nella discussione tra i due non è mancato l’argomento “bilancio dell’Unione europea” per il prossimo periodo (2021-2027), che è ancora in discussione. Questo documento finanziario dovrebbe essere equo, e i paesi dovrebbero contribuire ad esso sulla base della loro forza economica, ha dichiarato Peter Pellegrini. Senza l’approvazione del bilancio UE non è possibile affrontare le sfide globali come la rivoluzione tecnologica digitale, i cambiamenti climatici, la sicurezza, la migrazione, ma anche la riduzione delle disparità regionali tra gli Stati membri. «Ho assicurato al presidente del Consiglio europeo che la Slovacchia sarà molto costruttiva nei negoziati. Comprendo la necessità di alcune concessioni per trovare un accordo accettabile e un compromesso per tutti gli Stati membri», ha affermato il primo ministro.

Il presidente del Consiglio europeo ha spiegato che, nel cercare di trovare una linea di compromesso sul bilancio, deve tenere conto di «diverse prospettive e visioni e vuole conoscere le sfide che la Slovacchia potrà affrontare in futuro». Solo insieme e a livello europeo possiamo affrontare molte sfide, «è importante trovare un accordo sul bilancio europeo. Non è solo un dibattito tecnico ma anche politico. Dobbiamo trovare un buon compromesso. Continueremo queste discussioni», ha aggiunto Michel che considera anche la questione delle differenze regionali un argomento molto delicato da tenere in considerazione, come l’uscita del Regnbo Unito dall’Unione.

Sul ruolo internazionale dell’UE, Michel, entrato in carica solo all’inizio di dicembre dopo cinque anni da premier del Belgio, ha detto che deve svolgere un ruolo forte e positivo nell’attuale situazione in Iraq e nelle regioni del Medio Oriente al fine di evitare ulteriori tensioni in futuro. È necessario mantenere relazioni con il Medio Oriente, assicurando al tempo stesso sicurezza e stabilità, ha affermato Michel, auspicando l’unità di intenti a questo riguardo tra tutti gli Stati membri dell’UE, che deve proseguire il dialogo e fare uso di tutti i mezzi diplomatici a disposizione per ridurre l’escalation delle tensioni. Al tempo stesso, Michel ha definito cruciale il mantenimento di un partenariato con gli Stati Uniti a livello NATO.

(Red)


Foto Vlada SR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.