Brexit, Londra dice addio all’Erasmus. L’indignazione degli intellettuali

Indignazione per la notizia dell’addio del Regno Unito al programma Erasmus. La Camera dei Comuni del Regno Unito ha ufficialmente detto addio giovedì 10 gennaio all’Erasmus+, la piattaforma che include anche il programma europeo di scambio di studenti universitari all’interno dell’Ue. Come scrive askanews, la decisione arriva nell’ambito delle votazioni del controverso accordo Brexit che il premier Boris Johnson ha stretto lo scorso ottobre con l’Unione Europea, dopo che il Parlamento britannico ha votato – 344 a 254 – contro la “New Clause 10” del disegno di legge, che, qualora fosse passata, avrebbe imposto al governo di continuare a negoziare la piena appartenenza nel Regno Unito al programma Erasmus+ anche dopo il 2020, quando finirà l’attuale ciclo già finanziato e soprattutto quando Londra uscirà dall’Ue. Molte e negative le reazioni. Il grande storico britannico Simon Schama ha scitto su Twitter: “Questa è una decisione miserabile, un furto alle giovani e future generazioni”. L’accademico Paul Bernal a sua voltaha aggiunto: “Tutti quelli che sanno minimamente cosa sia l’Erasmus, sanno che quella del governo è una decisione diabolica, miope e controproducente. Tipico della Brexit”. E altre centinaia di tweet di utenti sconvolti e indignati dalla decisione. Come accaduto con l’Erasmus.

Questo passaggio parlamentare, seppur indicativo di una certa volontà politica, non significa tuttavia necessariamente che il Regno Unito non continuerà ad aderire all’Erasmus: lo scrive aise.it riportando dalla BBC, che ha sentito in merito un funzionario del Dipartimento per l’Educazione: “il governo è impegnato a continuare le relazioni accademiche tra Regno Unito e UE, anche attraverso il prossimo programma Erasmus…se sarà nel nostro interesse farlo. Il voto della scorsa notte non cambia questa situazione”. Attualmente, ricorda BBC Uk, il 53% degli studenti universitari del Regno Unito che studia all’estero lo fa attraverso il programma Erasmus; nel 2017, 16.561 studenti del Regno Unito hanno partecipato al programma, mentre 31.727 cittadini dell’UE sono andati nel Regno Unito.

Il programma Erasmus si svolge in cicli di sette anni; il prossimo andrà dal 2021 al 2027. La Commissione europea ha proposto di raddoppiare il finanziamento di Erasmus per il prossimo ciclo a 30 miliardi di euro. Al programma partecipano anche paesi terzi all’Ue, che negoziano le condizioni per farlo con Bruxelles. Il punto, dunque, è che la Gran Bretagna potrebbe non sostenere più “pienamente” il programma, scegliendo un’altra modalità: ma per farlo dovrà come agire in tempo visto l’avvio, il prossimo anno, del nuovo “settennato”

Illustraz.: erasmusplus.it

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.