Marian Kočner inserito nella lista Magnitsky degli Stati Uniti

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha aggiunto il nome del controverso uomo d’affari slovacco Marian Kočner alla sua lista globale di sanzioni prevista dalla legge Magnitsky. Le sanzioni si applicano non solo a Kočner come individuo, ma anche ad almeno sei “entità” possedute o controllate da lui, in particolare gli hotel nella nota zona turistica di Donovaly, nei Bassi Tatra. Kočner, accusato di diversi crimini tra i quali l’omicidio del giornalista Ján Kuciak per il quale il processo inizierà prima della fine dell’anno, è una delle 18 persone di tutto il mondo inserite martedì nella lista del Tesoro Usa come trasgressori dei diritti umani.

Il Congresso degli Stati Uniti ha approvato nel 2012 il cosiddetto Magnitsky Act, legge bipartisan studiata per punire i funzionari russi ritenuti responsabili della morte del fiscalista russo Sergei Magnitsky in una prigione di Mosca. Dal 2016 la legge consente al governo degli Stati Uniti di imporre sanzioni a persone ritenute colpevoli di violazioni dei diritti umani. Costoro potrebbero vedersi congelati i propri beni negli Stati Uniti e viene loro negato l’ingresso nel paese. Nel corso di una conferenza stampa il portavoce dell’ambasciata americana in Slovacchia ha spiegato ai giornalisti invitati le ragioni per l’inserimento di Marian Kočner nell’elenco delle sanzioni Magnitsky.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.