Congresso per i 20 anni di Smer-SD: il palco è di Pellegrini, Fico va in ospedale

Sabato 7 dicembre a Bratislava si è svolto il congresso che ha celebrato il ventesimo anniversario del partito di maggioranza relativa, Smer-SD. Ma i festeggiamenti si sono svolti senza il suo leader e fondatore, il tre volte premier Robert Fico, che ha avuto un episodio di pressione alta e ha dovuto recarsi all’ospedale per un controllo. Fico è apparso davanti ai giornalisti all’improvviso, pallido in volto, dicendo che non avrebbe tenuto il suo discorso perché preferiva essere subito sottoposto a un controllo. Fico fu operato d’urgenza per problemi cardiaci nell’aprile 2016 a Bratislava, dove gli venne presumibilmente fatto un bypass coronarico, e secondo certe voci anche nel maggio scorso avrebbe trascorso un periodo in un centro sanitario di eccellenza in Israele mentre nel partito si erano scatenate le polemiche dopo la debacle subita alle elezioni europee. Il primo ministro Pellegrini, vicepresidente di Smer, ha detto più tardi ai giornalisti che le condizioni di Fico erano rientrate nella norma.

Nel suo intervento, Peter Pellegrini ha sottolineato che Smer ha un nuovo leader elettorale per le prossime elezioni del 29 febbraio, ma continua a mantenere gli stessi obiettivi, vale a dire vincere le elezioni generali e continuare a consolidare un forte stato sociale. Uno Stato moderno deve essere in grado di prendersi cura dei deboli e degli anziani, ha detto, e dare speranza ai giovani per convincerli a rimanere nel paese. Pellegrini ha notato che venti anni di storia della socialdemocrazia post-comunista sono un traguardo ragguardevole, se si pensa che la Repubblica Slovacca nata nel 1993 non ha nemmeno 27 anni. «Siamo stati presenti a tutti gli eventi storici chiave che ci hanno fatto progredire, tra i quali l’adesione all’Unione europea e alla NATO, alla zona Schengen e all’Eurozona. Sono sinceramente commosso», ha affermato il premier nel suo intervento, nominando due compiti fondamentali per Smer in futuro: sbarazzarsi della “zavorra” come “disincentivo allo sviluppo” e avere una visione chiara per la società.

Secondo il capo del governo il partito Smer non deve rifiutarsi di ammettere gli errori: la responsabilità politica delle persone è parte di una cultura politica avanzata, ha affermato. E la direzione del partito non può pensare di avere la verità in tasca e avere sempre ragione, ma deve invece ascoltare di più la gente comune. Pellegrini ha, tra le righe, criticato il mancato sostegno, anche e soprattutto tra il suo partito, al progetto di legge di riforma e stratificazione ospedaliera preparato dal ministro della Salute Andrea Kalavská, un provvedimento da molte parti ritenuto necessario ma che è dovuto essere ritirato dalla discussione parlamentare proprio per non essere affossato dalla stessa maggioranza di governo.

SLOVENSKO POTREBUJE ZODPOVEDNÚ ZMENU

SLOVENSKO POTREBUJE ZODPOVEDNÚ ZMENUSlovensko potrebuje pozitívnu a zodpovednú zmenu, ktorá všetkým zabezpečí lepší život. Tým starším, ktorým za mnoho vďačíme a ktorí stelesňujú pamäť nášho národa. Zmenu pre rodiny s deťmi i pre zamestnancov, ktorí sú krvou a hybnou silou našej krajiny. A potrebujeme nádej pre mladých, ktorí predstavujú našu budúcnosť. K takejto zodpovednej zmene vás všetkých pozývam.

Uverejnil používateľ Peter Pellegrini Sobota 30. novembra 2019

Pellegrini occupa per la prima volta la testa della lista elettorale di Smer-SD, che nei venti anni precedenti è stata dominio del presidente Robert Fico. Il ventesimo compleanno del partito è stato anche l’occasione per presentare il nuovo logo di Smer-SD, che già da alcuni giorni era apparso un po’ alla chetichella sui grandi cartelloni elettorali con il volto di Pellegrini e il nuovo slogan “Per un cambio responsabile”. Il capolista socialdemocratico ha rivendicato i cambiamenti dicendo in seguito che non sarebbe uno scandalo parlare di un “nuovo Smer”, in quanto la lista di candidati per il prossimo appuntamento elettorale è significativamente diversa dalla lista delle parlamentari di quattro anni fa.

Parlando ai giornalisti a margine del congresso, Pellegrini ha ribadito che Smer-SD non collaborerà con il Partito popolare Nostra Slovacchia (ĽSNS) di estrema destra dopo le elezioni di febbraio. E che oltre a sostenere un forte stato sociale, vuole vedere una Slovacchia giusta e sicura, che protegga la natura e l’ambiente, esia  rispettata a livello internazionale. Non è chiaro tuttavia come Smer intenderebbe governare per una prossima legislatura, visto che l’attuale partner di coalizione Most-Hid – che dopo una forte perdita di popolarità oggi non ha nemmeno certezza di riuscire a superare la soglia di sbarramento elettorale del 5% – ha negato di voler rinnovare l’alleanza con Smer, che anzi gli è costata molto in termini di consenso elettorale. Pellegrini ha respinto come «non all’ordine del giorno» una domanda su una sua eventuale sfida aperta a Fico e la sua prossima candidatura alla presidenza del partito. Va detto che già dallo scorso anno Pellegrini ha sopravanzato il suo leader nei sondaggi sulla popolarità dei politici slovacchi, e sarebbe il preferito come premier nella prossima legislatura.

Domenica, parlando in televisione, Pellegrini ha detto che i suoi rapporti con Fico, a dispetto di diversi battibecchi a distanza nei mesi scorsi, sono “normali” e “costruttivi”. Ha ammesso che non sempre hanno la stessa opinione su alcune questioni, ma considera questa cosa in maniera positiva: se fossero d’accordo su tutto non ci sarebbero progressi [nella politica del partito].

I primi dieci candidati della lista elettorale di Smer, composta da 150 nomi, sono questi:

1. Peter Pellegrini, presidente del consiglio

2. Robert Fico, deputato del Parlamento

3. Denisa Saková, ministro degli Interni

4. Richard Raši, vice presidente del consiglio

5. Juraj Blanár, deputato del Parlamento

6. Peter Žiga, ministro dell’Economia

7. Ladislav Kamenický, ministro delle Finanze

8. Jaroslav Baška, deputato del Parlamento

9. Erik Tomáš, deputato del Parlamento

10. Matúš Šutaj Eštok, direttore dell’ufficio del governo

(La Redazione)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.