Zuzana Čaputová tra i politici protagonisti del processo di cambiamento in Europa

I progressisti dell’Europa centrale e orientale sono convinti che la presidente della Repubblica Slovacca Zuzana Čaputová possa offrire la speranza di un futuro migliore, ed è per questo che la considerano il simbolo del processo di cambiamento nel paese. Čaputová occupa il diciannovesimo posto nella quinta edizione della classifica annuale del quotidiano online americano “Politico” delle 28 persone più potenti d’Europa, in grado di esercitare un’influenza significativa su importanti questioni politiche. La classifica è guidata dal presidente francese Emmanuel Macron e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, seguiti dal presidente russo Vladimir Putin e dal primo ministro britannico Boris Johnson. Čaputová è nona nella categoria “disruptor“, che comprende personalità politiche innovative, in grado di «rompere i paradigmi e lo status quo» e consentire importanti riforme.

Per la prima volta in Slovacchia, una donna è stata eletta presidente della Repubblica. Con Zuzana Čaputová – avvocato, attivista ambientale riconosciuta ed europeista convinta – i partiti di opposizione volevano dimostrare che un cambiamento è possibile in una regione che troppo spesso è considerata illiberale e dominata da un’élite corrotta e autoritaria.

Il quotidiano Politico definisce la presidente slovacca come «una madre divorziata con due figlie» in un panorama politico ancora dominato dagli uomini, una liberalista europea impegnata in una «crociata anticorruzione» in un paese che è stufo dell’immoralità sfrenata nei circoli politici ed economici.

Čaputová ha vinto le elezioni dopo l’omicidio del giornalista investigativo Ján Kuciak e della sua ragazza, Martina Kušnirová, che ha scatenato un’ondata di indignazione nel paese, scioccato il panorama politico e fatto cadere il governo.

La presidenza slovacca è una posizione prevalentemente cerimoniale, ma Čaputová ha iniziato a usarla come piattaforma di dibattito politico su questioni come la corruzione, l’ambiente e i diritti delle persone LGBTI. Resta ora da vedere se «gli altri possono seguire le sue orme», ha scritto Politico.

Zuzana Čaputová è stata inoltre scelta come “Persona dell’Anno” dall’edizione slovacca della rivista “Forbes”, per essere stata la prima donna ad accedere alla guida dello Stato, «un segno che il cambiamento è possibile e che la politica può essere fatta di modi nuovi e diversi». La presidente è stata omaggiata della copertina del numero di dicembre di Forbes.

Uverejnil používateľ Zuzana Čaputová Utorok 3. decembra 2019

Questo è «un periodo di catarsi in Slovacchia», ha scritto Čaputová su Facebook. «Spero che dopo le elezioni possiamo promuovere importanti cambiamenti nel sistema». La presidente ha grandi ambizioni, vuole riunire esperti per riformare il sistema del potere giudiziario e delle procure e dare il suo contributo per far funzionare lo Stato, ma senza dimenticare i più deboli. Zuzana Čaputová è la prima donna a ricevere il premio “Persona dell’Anno” di Forbes dal 2014.

(Fonte Buenos días Eslovaquia)

Foto prezident.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.