Ex poliziotto condannato per il maltrattamento di due donne

Un giudice della corte distrettuale di Bratislava V ha emesso martedì una condanna sospesa di tre anni, con cinque anni di libertà vigilata, a un ex agente di polizia che nel 2014 aveva per futili ragioni maltrattato due donne agendo sgarbatamente e con atteggiamento estremamente aggressivo e sproporzionato alla situazione. Nella sentenza, ancora appellabile, l‘ex agente viene ritenuto colpevole di abuso dei poteri di un pubblico ufficiale e di sequestro illegale. L’imputato dovrà anche chiedere scusa pubblicamente alla parte lesa e non potrà lavorare in polizia per dieci anni. Nè l’imputato né il suo avvocato erano presenti all’audizione in tribunale.

L’uomo, tale Ľubomír Tiefenbach, era in pattuglia nel quartiere di Petržalka insieme a un collega quando fermò un’auto su cui viaggiavano madre e figlia, cui mancava l’adesivo del controllo di revisione (STK) obbligatorio. A nulla è servita la spiegazione che avevano ricevuto il permesso dell’ufficio per il controllo tecnico di esare la vettura anche senza l’etichetta: l’agente ha risposto con arroganza che avrebbe sequestrato l’auto. Da quel momento in poi la situazione è velocemente degenerata in offese personali verso le due donne e nel loro arresto, che nel caso della madre è avvenuto, come da testimonianza della figlia, che ebbe lo spirito di registrare tutto con il proprio telefonino, spingendo la donna con violenza contro il bagagliaio della macchina, afferrandola per il collo e ammanettandola senza alcun riguardo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Il video finì alla redazione del tabloid Novy Cas e diversi residenti di Petržalka hanno identificato l’agente di polizia come uomo estremamente aggressivo e un vero terrore nel quartiere che aveva già pestato decine di conducenti, come testimoniato del resto da medici e tassisti locali. Sulla testa dell’uomo pendevano una quarantina di denunce per i suoi modi poco consoni al suo ruolo, ma lui continuava a prestare servizio senza problemi. Fino a quel giorno in cui madre e figlia fecero nascere un caso, che provocò una sospensione dell’agente dal corpo di polizia. Nel dicembre 2014 Tiefenbach dovette appendere la divisa al chiodo e cambiare vita.

Al poliziotto violento venne dedicata allora una pagina Facebook intitolata “Ľuboš Tiefenbach – vogliamo una giusta punizione”, che ancora oggi ha oltre 5mila “Mi piace”, in cui si citavano i numerosi casi delle sue malefatte. Oggi l’uomo, 45 anni, si guadagna da vivere come wrestler, sicuramente una professione più adatta ai suoi modi.

Luboš Tiefenbach Lubos Tiefenbach podpisal s organizáciou Titan Fight Night niekoľko zápasov. Tiefenbach je zápasník,…

Uverejnil používateľ TITAN Fight Night Utorok 3. decembra 2019

(Red)

Foto Topky.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.