Valori allarmanti nella qualità dell’aria che si respira a Bratislava

Le persone a Bratislava respirano aria fortemente inquinata e tossica: le misurazioni della qualità dell’aria effettuate nelle ultime due settimane in 9 punti della capitale hanno prodotto risultati allarmanti. Lo hanno comunicato gli attivisti dell’iniziativa civica “Za čisté ovzdušie” (“Per l’aria pulita”). In diverse aree, in particolare vicino a incroci e scuole, sono state rilevate alte concentrazioni di particelle di PM10 e PM2.5, che hanno un effetto negativo sul corpo, specialmente nelle persone più vulnerabili, come bambini piccoli, donne in gravidanza e anziani. In un tipico ambiente urbano pulito, la media oraria è inferiore a 20.000 particelle ultrasottili (UFP) per cm³. Le misurazioni attuali hanno mostrato oscillazioni superiori a 150.000 cm³ in alcune parti di Bratislava, mentre per il resto siamo su valori da 20.000 a 70.000 particelle per cm³.

Dana Mareková, uno dei membri dell’iniziativa civica, ha ricordato che l’esposizione ad alte concentrazioni di particelle ultrafini è un fattore di rischio perché il corpo non ha contro di esse meccanismi di difesa. Il naso è un filtro efficace solo delle particelle più grandi sospese nell’aria, che vi si fermano e vengono rimosse meccanicamente soffiando il naso o starnutendo. Le particelle più piccole riescono invece a passare attraverso il naso e raggiungere la trachea e i polmoni. Alcune particelle si dissolvono nel flusso sanguigno. Il sangue trasporta quindi la sostanza nel corpo dove può colpire il cervello, i reni e altri organi, causando gravi malattie cardiovascolari e respiratorie e tumori. «Uno studio canadese ha anche confermato la relazione tra particelle ultrafini e malattie neurodegenerative», ha affermato Mareková.

L’iniziativa civica “Za čisté ovzdušie” ha invitato il consiglio comunale di Bratislava ad adottare finalmente misure concrete per ridurre il numero di auto in città costruendo infrastrutture per biciclette, efficaci politiche di parcheggio e promozione del trasporto pubblico. La riduzione del traffico automobilistico è essenziale per una migliore qualità della vita nella capitale, ha affermato Mareková, ricordando che il primo passo verso l’adozione di misure efficaci per migliorare la qualità dell’aria è la raccolta completa di dati.

All’interno del consiglio comunale di Bratislava esiste un gruppo di lavoro che si occupa della protezione dell’aria, in collaborazione con diverse istituzioni. Il comune sta già lavorando alla costruzione di nuove piste ciclabili e al miglioramento del trasporto pubblico, ad esempio con nuove corsie per autobus e l’estensione della rete di tram. Inoltre, sta collaborando con l’Università della Tecnologia (STU) di Bratislava per sviluppare un progetto per misurare lo stato dell’ambiente in città installando 400 sensori di rilevamento. Il ministero dell’Ambiente e l’Istituto Idrometeorologico stanno inoltre sviluppando un progetto per migliorare il monitoraggio della qualità dell’aria grazie alla creazione di nuove stazioni di misurazione.

Oggi a Bratislava inizia il forum “EU Clean Air“, che discuterà dell’inquinamento atmosferico a livello europeo. L’iniziativa civica “Za čisté ovzdušie” spera che questo evento non sia solo uno spazio per parlare, ma anche per guidare azioni concrete.

(Fonte Buenos diás Eslovaquia)

Foto USEPA CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.