Approvato il bilancio dell’UE 2020: sostegno per ambiente, lavoro e giovani

Maggior sostegno per tutela del clima, ricerca, investimenti nelle infrastrutture e giovani. Il Parlamento Europeo ha approvato ieri 27 novembre il bilancio annuale per il 2020, l’ultimo dell’attuale quadro finanziario 2014-2020, ottenendo complessivamente per le sue priorità 850 milioni di euro in più rispetto al progetto di bilancio presentato dalla Commissione.

In particolare, oltre mezzo miliardo di euro in più è destinato alle spese legate alla tutela del clima; 302 milioni di euro in più per progetti di ricerca; altri 133 milioni di euro per gli investimenti nelle infrastrutture di rete (Meccanismo per collegare l’Europa, CEF).

Altri 50 milioni di euro vanno ad integrare i fondi del programma Erasmus+ mentre 28,3 milioni di euro andranno all’iniziativa per l’occupazione giovanile (e ulteriori 50 milioni di euro da aggiungere nel 2020 se necessario).

Gli stanziamenti di impegno complessivi per il 2020 ammontano quindi a 168,7 miliardi di euro (aumento dell’1,5% rispetto al 2019); gli stanziamenti di pagamento ammontano a 153,6 miliardi di euro (+3,4% rispetto al 2019).

Il Consiglio ha approvato formalmente l’accordo raggiunto con il Parlamento ieri, 25 novembre. Questa mattina è arrivato il via libera del Parlamento con 543 voti favorevoli, 136 contrari e 23 astensioni. La legge è stata poi firmata dal Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

(aise)

Foto EU Parliament cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.