Omicidio Kuciak, l’OCCRP rilascierà i materiali dell’inchiesta di polizia

L’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), una rete di centri investigativi, media e giornalisti investigativi che opera in diverse aree nel mondo, tra cui l’Europa centro-orientale, vuole cercare di prevenire la diffusione di notizie manipolate e scorrette sulla morte del giornalista Ján Kuciak. Nei prossimi mesi l’OCCRP fornirà progressivamente a media selezionati 57 terabyte di dati provenienti dalle indagini sull’omicidio del giornalista Jan Kuciak, che gli sono stati consegnati dalla polizia slovacca. L’archivio del consorzio di giornalisti dovrebbe fungere da archivio pubblico affidabile che serverà a confermare le affermazioni vere e confutare quelle false relativamente all’inchiesta. I media che riceveranno i dati saranno scelti in base a criteri stringenti di standard etici e giornalistici.

L’organizzazione internazionale di giornalismo investigativo ha informato sul suo sito web che l’affidamento dell’archivio di indagine ha l’obiettivo di “fare giustizia a Kuciak” nel responsabilizzare il sistema giudiziario slovacco e smentire le possibili notizie false che “i media corrotti” possono veicolare mentre sta per prendere il via il processo per l’omicidio, la cui udienza preliminare è fissata per il 19 dicembre. Soprattutto in vista delle prossime elezioni parlamentari del 29 febbraio 2020. L’OCCRP sta lavorando per archiviare, catalogare ed elaborare i file in modo sicuro e garantire che i dati siano utilizzabili e accessibili per future analisi.

Dopo l’omicidio di Kuciak e della fidanzata Martina, l’OCCRP si è da subito impegnato insieme al gruppo ceco Investigace.cz, il Centro investigativo di Ján Kuciak, la redazione del sito di notizie Aktuality.sk per il quale lavorava Kuciak e altre organizzazioni giornalistiche avviando un progetto di denuncia dell’importante lavoro fatto dal reporter slovacco, e indagando anche sul suo omicidio con lo scopo di impedire che i responsabili possano sfuggire alle loro responsabilità.

Nell’inchiesta la polizia slovacca ha concluso che l’oligarca slovacco Marián Kočner aveva ordinato l’omicidio di Kuciak per zittirlo e al tempo stesso intimidire qualsiasi altro giornalista slovacco che potesse curiosare nelle attività di Kočner. Kočner è stato incriminato a marzo di quest’anno, e andrà a processo insieme a quattro altre persone che hanno organizzato e realizzato materialmente il crimine.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.