Italiani expat: con gli incentivi rientrati in 14mila, metà sono già ripartiti

Su 14mila lavoratori rientrati in Italia grazie agli incentivi fiscali, più della metà sono scappati di nuovo. È la conclusione di uno studio del gruppo “Controesodo”, la più importante community italiana per il rientro dei cervelli in fuga, che ha analizzato dati dell’Agenzia dell’Entrate e dal Ministero del Lavoro. A rilanciarli è Paolo Frosina sul Fatto Quotidiano. Nel periodo dal 2011 al 2017 – cioè gli anni successivi all’entrata in vigore della legge 238 del 2010, che abbatteva l’imponibile fino all’80% per i rimpatriati – si stima che 14mila persone abbiano scelto di tornare a lavorare nel nostro Paese. 7.033 di loro sono già ripartite per l’estero.

«Gli incentivi sono una delle motivazioni che spingono gli expat a tornare, anche se sappiamo che non sono decisivi. Ma, così come sono disciplinati al momento, non bastano per trattenerli in Italia a lungo», spiega a ilfattoquotidiano.it Francesco Rossi, uno dei fondatori della community. «Si tratta di lavoratori qualificati, abituati a spostarsi e che all’estero possono contare su stipendi in media molto più alti. Per questo, una volta esaurito il periodo di minor tassazione, è facile che cedano alle sirene di un nuovo impiego all’estero».

Alla nascita, nel 2015, il gruppo Controesodo contava una ventina scarsa di persone, messe insieme con il passaparola. Lo scopo era a breve termine: convincere il governo a ripristinare gli incentivi fiscali della legge 238/2010, la legge “Controesodo” appunto, un provvedimento innovativo grazie al quale molti di loro erano tornati a vivere e produrre reddito nel nostro Paese.

Un argine alla fuga di competenze che solo nel 2018 ha tolto all’Italia 128mila residenti, in gran parte giovani e laureati. Da allora non si è più fermato: oggi è un riconosciuto punto di riferimento per i “cervelli di ritorno”, con un migliaio di iscritti registrati sul sito gruppocontroesodo.it. Alcuni già rimpatriati, altri tentati di farlo ma ancora in dubbio. A tutti Controesodo fornisce consulenza gratuita sulle agevolazioni fiscali applicabili al loro caso, un insieme di norme che negli ultimi anni è diventato assai complesso. [… continua]

Continua su Aise

 

Illustrazione B.Slovacchia

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.