L’economia slovacca rallenta, incertezze nel comparto dell’auto

La crescita del PIL slovacco ha subito un brusco rallentamento all’1,3% annuo a prezzi costanti nel terzo trimestre di quest’anno, il ritmo più lento dal 2013 e uno dei peggiori in UE. Nello stesso periodo del 2018 l’economia era cresciuta del 4,6% su base annua. Mentre nei primi due trimestri 2019 il risultato era stato rispettivamente del 3,8% e 2,2%. Sebbene i consumi interni rimangano forti, favoriti dalla crescita salariale e dalla riduzione della disoccupazione, il problema è la minore domanda estera, scrive Sme, in particolare nel settore automobilistico, conseguente alla decelerazione della Germania che influenza fortemente l’andamento dell’industria slovacca. Il rischio è che la crescita rapida dei salari in Slovacchia possa essere un freno alla competitività dei produttori di componenti automobilistici, che perderebbero terreno nel confronto diretto con i concorrenti di Ungheria e Polonia, dove le retribuzioni sono meno onerose. 

Secondo l’ultima previsione della Commissione europea, la crescita slovacca dovrebbe attestarsi al 2,7% quest’anno, per scendere al 2,6% l’anno prossimo. Gli analisti delle banche si aspettano un PIL al 2,5% quest’anno e 2,2% nel 2020. 

(Red)

Foto edar CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.