La presidente Čaputová non firma la moratoria elettorale

La presidente Zuzana Čaputová ha dichiarato ieri che non firmerà l’emendamento alla legge elettorale che estende il divieto di pubblicare i sondaggi sulle intenzioni di voto nei 50 giorni precedenti il voto. La proposta di legge, approvata dal Parlamento il 28 ottobre, estende tale divieto dagli attuali 14 giorni giorni a quasi due mesi. Il testo, che è stato criticato da più parti come eccessivamente restrittivo, sarà rinviato all’aula per una seconda lettura e una seconda votazione. Il diritto di veto presidenziale è tuttavia piuttosto debole. Secondo la legge slovacca il Parlamento ha la possibilità di approvare nuovamente il provvedimento anche senza toccarne una parola, scavalcando il no della presidente, che ha annunciato di essere pronta a utilizzare le sue prerogative costituzionali e chiedere un esame del testo alla Corte costituzionale. Secondo un sondaggio dei giorni scorsi, il 60% degli slovacchi è contrario all’estensione del divieto di pubblicazione dei sondaggi.

Čaputová crede che questo emendamento contenga diverse clausole contrarie ai diritti di numerosi cittadini garantiti dalla Costituzione della Repubblica Slovacca. Il testo sarebbe in contrasto con il diritto all’informazione, il diritto di riunione e il diritto alla diffusione delle informazioni, e nocivo per la sana concorrenza politica. Inoltre, è pure in contraddizione con il principio della certezza del diritto, dice il capo dello Stato.

La campagna elettorale per le prossime elezioni parlamentari, che si terranno sabato 29 febbraio, è iniziata ufficialmente il 5 novembre. Una moratoria di così lungo respiro, dice la presidente, “ruberebbe” agli elettori informazioni cruciali per quasi metà dell’intero periodo di campagna. L’emendamento sarà nuovamente sottoposto alla discussione parlamentare alla fine di questo mese.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.