La Cina è un’opportunità unica per le aziende slovacche

La Cina è la seconda economia più grande del mondo e il secondo importatore più grande al mondo. Sta aprendo il suo mercato ad aziende di altri paesi e le importazioni di beni e servizi in Cina probabilmente si moltiplicheranno nei prossimi anni. Molti paesi stanno cercando di entrare nel grande mercato cinese e «la Slovacchia non può permettersi di essere lasciata indietro». Lo ha affermato Richard Raši, vice primo ministro dell’Informatizzazione e degli Investimenti, che si trova nel paese del Dragone per una visita di lavoro.

A Shanghai, accompagnato dal ministro dei Trasporti e Costruzioni Árpád Érsek, dai sottosegretari agli Esteri Lukáš Parízek e all’Economia Vojtech Ferencz, e da una ventina di rappresentanti di aziende innovative slovacche, il vice primo ministro slovacco ha presenziato all’inaugurazione della China International Import Expo 2019 aperta dal presidente Xi Jinping. Questa è la seconda edizione della più grande fiera dell’import nella Repubblica popolare Cinese con oltre 1.000 espositori provenienti da oltre 60 paesi. Oltre al presidente cinese e al francese Emmanuel Macron hanno partecipato altri rappresentanti del gruppo Visegrad, come il presidente della Camera dei deputati della Repubblica Ceca Radek Vondráček e il ministro degli Affari esteri e del commercio ungherese Péter Szijjártó.

Secondo Raši la Cina può offrire agli imprenditori slovacchi l’opportunità di sviluppare le loro attività, dato il forte interesse per la cooperazione tra le società cinesi e i paesi dell’Europa centrale e orientale, che rappresentano una porta di accesso all’Unione europea. Pechino ha sviluppato una strategia speciale per la regione CEE finalizzata alla produzione specifica, con prodotti che acquisiranno automaticamente il marchio “Made in the EU” senza l’applicazione di tariffe doganali. Anche la Slovacchia ha molto da offrire alla Cina, ha dichiarato il vice premier: «Molte aziende slovacche hanno un enorme potenziale innovativo e la Cina è alla ricerca di partner commerciali», poiché non è sufficiente sviluppare soluzioni innovative, è necessario trovare il supporto di un partner commerciale forte per diventare attori globali. Una cooperazione strategica con la Cina potrebbe offrire anche a una piccola azienda slovacca la possibilità di esportare i suoi prodotti su un mercato di 1 miliardo e 300 milioni di persone.

La Slovacchia non ha un proprio padiglione nazionale alla fiera cinese, ma due aziende slovacche hanno uno stand per presentare i loro prodotti: la società Klein, s.r.o. (rappresentante di Velvet futura) con la sua macchina volante (foto) e la Neodual s.r.o., che produce integratori alimentari. Gli investitori cinesi hanno espresso interesse per l’auto volante del designer slovacco Štefan Klein la cui produzione in serie potrebbe iniziare tra tre anni. Secondo Klein, che incontrerà gli investitori cinesi questa settimana, la strada per il successo nel mercato cinese è ancora lunga, ma questo mercato è «molto promettente» nel settore dell’aviazione. Le imprese che compongono la delegazione slovacca avranno in questi giorni in fiera incontri bilaterali programmati con potenziali partner cinesi. Raši e gli altri rappresentanti del governo slovacco partecipano a un forum economico dedicato all’intelligenza artificiale come fattore importante nel mondo dell’innovazione.

(Fonte Buenos días Eslovaquia)

Foto FB

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.