Roma, giovedì opening della mostra “What is happening with sleep today?”

Inaugurazione giovedì 7 novembre a Roma per la mostra collettiva degli artisti Julia Gryboś / Barbora Zentková (Polonia, 1988 / Slovacchia, 1986), Martin Kohout (Repubblica Ceca, 1984) e Ben Landau (Australia, 1985) intitolata “What is happening with sleep today?“. Ad ospitare la rassegna, curata dalla slovacca Lýdia Pribišová, recentemente co-curatrice della 12a Biennale di Kaunas in Lituania, sarà AlbumArte, spazio indipendente per l’arte contemporanea a Roma.

La mostra pone al centro delle sue riflessioni il dormire e il suo possibile, ma al tempo stesso impossibile utilizzo commerciale nella società odierna, prendendo spunto dal testo dello storico dell’arte e saggista Jonathan Crary 24/7: Il capitalismo all’assalto del sonno, in aperta polemica con le disumanizzanti condizioni dettate dal neoliberismo e da una produttività no-stop, che spinge a una vita senza pause e a una sorta di ‘dormiveglia globale’. Una condizione che sta ridisegnando la nozione di temporalità, delineando nuove e pericolosissime strategie di sorveglianza delle singole soggettività, che minano la possibilità di espressioni politiche e di dissenso individuali.

Il duo artistico composto da Julia Gryboś e Barbora Zentková (https://zentkova-grybos.com) realizza un ambiente completamente site specific dal titolo The Shallow Sleep of Emergency Mode II che è anche installazione sonora. Con la loro opera, le artiste affrontano l’aspetto più tangibile e sensoriale che circonda la cultura del sonno, inserendo nello spazio elementi metallici e in tessuto – che ricordano il letto – e un suono meditativo immersivo a basse frequenze che invita al riposo ma, al tempo stesso, evoca anche la sensazione di ansia che accompagna l’insonnia e che è l’effetto collaterale dell’accelerazione del nostro ritmo di vita. La frammentazione dell’installazione riflette la sempre più graduale scomposizione del dormire nella vita odierna e si interroga – così come i lavori di Martin Kohout e Ben Landau – se il sonno sia o no ancora l’ultimo baluardo di attività umana non soggetta a un monitoraggio esterno.

Il film Slides di Martin Kohout (https://martinkohout.com) è parte di un progetto di ricerca in corso sulle problematiche determinanti il lavoro notturno, le diverse fasi del sonno, le sue alterazioni, l’uso quotidiano e sempre più assoluto delle nuove tecnologie, le nostre reazioni sia sensoriali che mentali per cercare di convivere con questo futuro che è già intorno a noi.

Ben Landau (www.benlandau.com) presenta l’installazione multimediale Sleeper Cells, un progetto sperimentale che indaga l’incidenza del sonno nella società contemporanea: il dormire e il susseguente sognare aprono una connessione con l’inconscio ormai trascurata dal nostro iper-veloce e iper-reale mondo, ponendosi come un ultimo bastione di libertà dagli incessanti ritmi di lavoro. Sleeper Cells analizza diverse situazioni dove le persone rifuggono dalla dimensione del conscio preferendo esplorare i mondi sconosciuti della propria mente.

La mostra è stata realizzata con il supporto di Slovak Art Council, Facoltà di Belle Arti – VUT e Istituto Polacco di Roma. Si ringrazia le Tenute dei Fratelli Ciotola e i loro vini di Torleanzi per la degustazione offerta in occasione dell’opening della mostra.

What is happening with sleep today?
Dove: AlbumArte, Via Flaminia 122, Roma
Inaugurazione: giovedì 7 novembre 2019, ore 18:30
Apertura al pubblico: 8 novembre – 7 dicembre 2019
Orari: dal martedì al sabato, ore 15.00 – 19.00
Ingresso gratuito
Info mostra qui

Foto: in alto Martin Kohout,
sotto Grybos-Zentkova

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.