Società: perché il riconoscimento facciale dovrebbe farci paura

Le tecnologie di riconoscimento facciale sono sempre più pervasive, e non è detto che sia una buona notizia. Il confine tra uso e abuso è sottile e alcune città negli Stati Uniti hanno deciso di passare all’azione per vietarle del tutto. Il tema è decisamente caldo per legislatori, attivisti e ovviamente per chi sviluppa gli strumenti che sfruttano questa sofisticata opzione tecnologica. In questo video il giornalista di Wired Tom Simonite approfondisce il tema con l’esperta di computer vision e di diritto Gretchen Greene.

Greene spiega come funzionano queste tecnologie e come si alimentano i database delle immagini che saranno poi analizzate alla ricerca di pattern ricorrenti (è vero: anche postare foto sui social non aiuta). La facial recognition è sicuramente un potenziale strumento di controllo in grandi eventi di massa, ma anche la pubblicità e il mondo della robotica sono sempre più inclini a sfruttarne le virtù per creare interazioni di maggiori qualità.

Attivisti e comitati per i diritti si fanno delle domande, in particolare pensando all’uso che potrebbero farne le forze dell’ordine. Gli algoritmi non sono immuni da pregiudizi e, spiega Greene, la preoccupazione che il tasso di errore cresca in determinati contesti sociali e demografici non è certo un problema secondario.

Per vedere il video andare sul sito di Wired

Immagine Kaique Rocha+B.Slovacchia

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.