Ministro: siamo sulla stessa barca con la Germania, se Berlino tira Bratislava segue

Parlando a un forum economico slovacco-tedesco qualche giorno fa, il ministro slovacco dell’Economia Peter Žiga (Smer-SD) ha affermato che l’economia tedesca è la locomotiva dell’Europa, e la Slovacchia cresce quando la Germania prospera, ma succede anche il contrario – sentiamo subito il rallentamento della sua economia. «In Per molti versi siamo letteralmente sulla stessa barca, e stiamo coordinando un’azione comune, perché è nel nostro interesse vitale. Condividiamo, ad esempio, gli stessi interessi [con Berlino] nelle relazioni commerciali dell’UE con gli Stati Uniti, in particolare per quanto riguarda le misure protezionistiche statunitensi», ha dichiarato il ministro, ricordando che le relazioni tra Slovacchia e Germania sono storicamente molto buone. La Germania è il nostro principale partner commerciale e le aziende di questo paese operano con successo in Slovacchia da molto tempo.

L’economia slovacca è caratterizzata da un alto grado di industrializzazione, e la quota dell’industria nel PIL del paese è una delle più alte tra i paesi dell’UE, oltre il 20%. Un posto di lavoro su sei viene generato dall’industria automobilistica, dal metalmeccanico o dal comparto elettrotecnico. «Se vogliamo preservare questa lunga e forte tradizione industriale e affermarci nella forte concorrenza globale dobbiamo adattarci alle sfide dell’era attuale, dinamica e vivace», ha sottolineato il ministro al forum. Secondo Žiga, l’economia sta cercando di rispondere in modo flessibile alla rivoluzione tecnologica in corso, rappresentata oggi principalmente dall’Industria 4.0, e il ministero ha creato un concetto di industria intelligente che è stato seguito direttamente dal Piano d’azione per l’industria intelligente approvato dal governo slovacco nell’ottobre dello scorso anno. «Il suo obiettivo è sostenere l’industria, i servizi e le imprese commerciali – indipendentemente dalle loro dimensioni – per creare condizioni migliori per l’implementazione della digitalizzazione e delle soluzioni innovative», ha evidenziato. «La struttura dell’industria sta cambiando in tutto il mondo e questo cambiamento non sarà evitato nemmeno in Slovacchia, se vogliamo che la nostra industria rimanga competitiva», ha aggiunto.

Il Ministro ha richiamata il fatto che non meno importante è la Strategia di politica economica della Repubblica Slovacca fino al 2030, documento che determina la direzione strategica della politica economica in vista del 2030 e delinea un quadro di ulteriore evoluzione e sviluppo dell’economia slovacca. «Abbiamo definito i momenti chiave che dobbiamo gestire a medio termine, e attualmente stiamo lavorando e discutendo il primo piano d’azione, che è parte integrante della strategia», ha spiegato Peter Žiga. Ha anche sottolineato che gli investimenti sono fondamentali per lo sviluppo economico.

«Nel contesto degli sviluppi globali, della summenzionata quarta rivoluzione industriale e della pressione sulla produttività, anche la visione della competitività delle imprese sta cambiando radicalmente. È importante per noi sostenere gli investimenti di investitori nuovi, ma anche di già insediati nel nostro paese, che aumenteranno la loro capacità di far fronte a queste tendenze. Tra le nostre priorità c’è anche l’obiettivo di sostenere gli investimenti che portano in Slovacchia, o che sviluppano ulteriormente, attività di ricerca e sviluppo», ha affermato il capo del ministero dell’Economia.

(La Redazione)

Foto economy.gov.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.