Università: Comenius e STU ricevono 111 milioni per ricerca e innovazione

È stato presentato martedì alla presenza del ministro dell’Istruzione Martina Lubyová quello che sarà il più grande progetto di investimento nel settore accademico mai fatto in Slovacchia. Le due più grandi e migliori università del paese, l’Università tecnica slovacca (STU) e la Comenius, entrambe con sede a Bratislava, collaboreranno nell’ambito del progetto nazionale ACCORD che sarà finanziato con un budget complessivo di 111 milioni di euro da spendere nei prossimi quattro anni per migliorare le capacità e le competenze universitarie in ricerca, sviluppo e innovazione e aumentare la competitività dei due atenei nello Spazio europeo della ricerca. I due istituti slovacchi modernizzeranno la loro infrastruttura di ricerca e IT, rinnoveranno gli edifici e aumenteranno il loro livello di qualità e attrattiva in tema di ambiente educativo, lavorando anche per ridurre significativamente il consumo di energia e la produzione di CO2. Tra gli obiettivi dichiarati del progetto ACCORD, che dovrebbe durare fino alla fine del 2023, vi è quello di offrire agli studenti slovacchi un incentivo per rimanere e studiare nel paese.

La proposta di progetto, cui si lavora da diversi anni, è stata organizzata dalle università in collaborazione con i ministri slovacchi dell’Istruzione e delle Finanze, esperti della Banca europea per gli investimenti (BEI) e la Commissione europea. L’avvio del progetto è stato inaugurato con la firma di un accordo tra il ministro dell’Istruzione, il rettore della STU Miroslav Fikar e il rettore della Comenius Marek Števček.

Del totale finanziato, 105,4 milioni di euro provengono da finanziamenti UE e finanziamenti statali, mentre altri 5,5 milioni di euro vengono investiti dalle risorse proprie delle università. Il progetto inizialmente prevedeva un budget di circa 120 milioni di euro, ma è poi stato ridotto su richiesta di Bruxelles. Il progetto supporterà team e centri di eccellenza e includerà il sostegno all’intera gamma di attività di ricerca, anche in materia di sicurezza informatica, automazione e gestione, biotecnologia, biomedicina e ricerca sui materiali. Un nuovo padiglione di tecnologia di alto livello e nuove attrezzature e macchinari saranno disponibili con diversi laboratori aperti per ricercatori di entrambe le università, nonché altre organizzazioni di ricerca e partner nel settore privato.

(La Redazione)

Foto minedu.sk
Foto Uniba.sk/Facoltà di Farmacia

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.