Eurozona, nuovo strumento finanziario aiuterà la Slovacchia con 500 milioni

Nella riunione tenutasi mercoledì a Lussemburgo i ministri delle Finanze dell’UE hanno negoziato uno strumento di bilancio per la convergenza e la competitività dei paesi membri della zona euro per una somma di circa 17 miliardi di euro a partire dal 2021. La discussione di questo strumento, ormai alle battute finali, destinerebbe tale somma al sostegno di investimenti e riforme dei paesi che utilizzano l’euro come valuta. I 17 miliardi cono la quota di competenza della zona euro dei 25 miliardi proposti dalla Commissione europea per sostenere le riforme nel prossimo bilancio settennale dell’UE (2021-2027).

Il ministro delle Finanze slovacco Ladislav Kamenický crede che un tale accordo su un bilancio dell’Eurozona sarebbe una buona notizia per la Slovacchia, che «potrebbe ricevere altri cinquecento milioni di euro per dare una spinta alla sua competitività», ha detto il ministro. I fondi potrebbero essere utilizzati anche nelle regioni economicamente più forti del paese (ad esempio, la regione di Bratislava) dove non è possibile accedere ai fondi europei. A differenza dei fondi di coesione, queste risorse di bilancio andranno a tutti i paesi dell’Euro, a seconda delle dimensioni del paese e le sue necessità di convergenza, e oltre alla popolazione, si terrà conto del livello del prodotto interno lordo. Nell’utilizzo di queste risorse, i singoli paesi dovranno garantire un cofinanziamento pari al 25%.

(Red)

Foto geralt CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.