Chi c’è davvero dietro Greta Thunberg?

Proviamo a metterci dalla prospettiva dei complottisti, e a dar loro qualche dato: dietro le proteste c’è innanzitutto un allarme degli scienziati che continua a essere ignorato.

È un’attrice. Anzi no, è pagata dall’immancabile George Soros. E se invece fosse un progetto a tavolino di genitori scaltri e senza scrupoli? Su Greta Thunberg, attivista svedese di soli 16 anni, si è già scatenato il peggio del complottismo mondiale: proviamo allora a fare uno sforzo e metterci dalla prospettiva di chi crede ai grandi intrighi di cui la ragazza sarebbe vittima. Chi – o cosa – c’è davvero dietro Greta? La risposta in cifre difficilmente contestabili.

99%

Dietro Greta Thunberg c’è qualcosa di sorprendente: una comunità scientifica di esperti in diverse discipline che, dati alla mano e con un consenso interno superiore al 99%, non ha più dubbi sul fatto che la Terra si sta surriscaldando a causa delle attività umane. Sul fronte opposto, l’ormai sparuta minoranza di negazionisti sembra composta al 99% da scienziati che non si sono mai occupati di clima. E così, a differenza di altri temi controversi come la produzione di energia nucleare o alcune applicazioni delle biotecnologie, l’attività trentennale del gruppo intergovernativo di esperti sul clima delle Nazioni Unite (Ipcc) può certificare la visione unitaria degli scienziati, concordi sull’urgenza di adottare misure drastiche contro la crisi climatica. Ormai sappiamo già tutto quel che c’è da sapere per indirizzare le decisioni politiche. Dietro il grido di allarme di Thunberg ci sono dunque ragioni scientifiche solide come non mai.

0,2°C

Sebbene sia sfuggito a molti, negli stessi giorni in cui fior di opinionisti, per lo più maschi e canuti, inscenavano un imbarazzante dibattito sulla figura di Greta Thunberg, un rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale certificava che nei cinque anni fra il 2011 e il 2015 la temperatura media globale è aumentata di ben 0,2°C. Un’enormità. Per confronto, basti pensare che nel secolo e mezzo fra il 1850 e il 2011 l’aumento era stato di 0,9°C. Ciò significa che il riscaldamento del pianeta sta paurosamente accelerando sotto i nostri occhi. Mentre il pianeta frigge, più che perdere tempo a chiederci cosa si nasconda dietro Greta Thunberg, forse dovremmo domandarci a chi giova tutta questa dietrologia che ci porta a guardare il dito e a non vedere la Luna.

3°C

Al summit sul clima delle Nazioni Unite che si è svolto il 23 settembre a New York si sono fatte solo chiacchiere. Con poche eccezioni, le nazioni presenti si sono limitare a ribadire gli impegni già assunti per ridurre le emissioni, che tuttavia non sono sufficienti a rispettare l’accordo di Parigi. Persino se tutte le promesse fatte finora venissero mantenute – e al momento sono ben lontane dall’esserlo – la temperatura media globale aumenterebbe di oltre 3°C: una catastrofe. Dietro l’indignazione di Greta Thunberg per l’inerzia dei governi nell’affrontare la crisi climatica non c’è altro che la vergognosa inerzia dei governi nell’affrontare la crisi climatica. E il nostro esecutivo non sembra fare eccezione, tanto che il Green New Deal tricolore sbandierato all’Onu dal premier Conte è già sparito dai radar del dibattito nostrano.

6 milioni

Di certo dietro Greta Thunberg ci sono oltre 6 milioni di persone che hanno animato gli scioperi per il clima della scorsa settimana. In Nuova Zelanda è addirittura sceso in piazza il 3,5% della popolazione: la soglia di attivazione che si considera sufficiente per rovesciare un regime. Ma il movimento per il clima era già diventato un fenomeno globale nel 2015, quando Greta aveva solo 12 anni e la sua protesta davanti al parlamento svedese era ancora di là da venire. E non potrà che continuare a montare nei prossimi anni, man mano che gli impatti dei cambiamenti climatici si faranno più tangibili. Allora forse non sarà più Greta Thunberg il volto del movimento, ma dietro di lei c’è ormai una generazione di ragazzi e ragazze che non smetteranno di pretendere di avere un futuro. Come potrebbero? Mentre agli adulti non restano che due possibilità: accodarsi a questo salvifico movimento spontaneo o passare alla storia come la generazione che ha scelto di mandare in malora la biosfera quando ancora si poteva evitare il peggio.

(Giancarlo Sturioni, Wired cc by nc nd)

Foto Leonhard Lenz CC0
Foto Markus Spiske CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.