Un caccia MiG-29 dell’aeronautica slovacca precipita vicino a Nitra

Un jet da combattimento dell’aeronautica militare slovacca è precipitato sabato sera vicino al villaggio di Nové Sady, nella regione di Nitra. L’incidente è avvenuto verso le 21.30. Il pilota si è espulso dal MiG-29 ed è stato portato in ospedale a Nitra prima che l’aereo si schiantasse al suolo e andasse in fiamme. Il fatto è avvenuto fortunatamente in un’area disabitata grazie alla prontezza del pilota. La gente del posto ha sentito esplosioni dopo l’incidente. I pompieri di Nitra intervenuti sul posto hanno spento le fiamme.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Come ha confermato il ministro, l’aereo precipitato è decollato con munizioni vere, in quanto si trattava di «un volo di addestramento di aerei con armamenti reali». Il capo dello stato maggiore generale delle Forze armate slovacche Daniel Zmeko ha dichiarato che in effetti alcune delle munizioni sono esplose nell’incidente. I resti dell’aereo precipitato, che sono stati tutti recuperati e «non c’è pericolo di ulteriori esplosioni», come ha ribadito ieri Zmeko, potrebbero essere rimossi dall’area dell’impatto già oggi e portati alla base aerea di Sliač.

Il ministro della Difesa Peter Gajdoš ha spiegato le circostanze in cui si è verificato l’incidente. Due caccia dell’aeronautica «sono decollati alle 20:10, e volavano accoppiati. Vedendo un rapido peggioramento delle condizioni meteo, sono tornati verso la base aerea di Sliač [regione di Banská Bystrica], dove è atterrato uno dei due velivoli, mentre l’altro non è riuscito nella manovra e ha proseguito verso l’aeroporto di Bratislava. L’incidente è avvenuto intorno alle 21:30». Gajdoš ha aggiunto che l’incidente è una conferma della necessità di continuare ad attuare il piano a lungo termine per il rinnovamento dei mezzi delle Forze armate slovacche, riferendosi alla recente decisione di acquistare nuovi aerei da combattimento F-16.

Sulle condizioni del pilota il ministero della Difesa ha affermato domenica che è fuori pericolo ed in condizioni stabili, e che verrà trasferito all’ospedale F.D. Roosevelt di Banská Bystrica. È un pilota di prima classe, addestrato ed esperto, con 1200 ore di volo alle spalle. Dopo l’incidente sono stati sospesi tutti i voli di addestramento di aerei Mig-29. In ogni caso, dice il capo di stato maggiore, la protezione dello spazio aereo sotto la responsabilità slovacca è pienamente garantita all’interno del sistema NATINAMDS (NATO Integrated Air and Missile Defence System).

Intanto sono partite le indagini su quanto accaduto, e sono state date disposizioni per preservare il luogo dell’incidente dall’inquinamento delle prove. A gestire l’indagine è un investigatore della polizia, sotto la supervisione di un procuratore incaricato, cui si affianca una commissione di inchiesta indipendente. Il generale Zmeko ha espresso pubblico apprezzamento il coraggio del pilota, che ha manovrato in sicurezza per portare l’aereo in una zona disabitata.

(Red)

Foto MOSR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.