Disordini e cori razzisti, la Slovacchia sanzionata dall’UEFA

Le federazioni calcistiche di Slovacchia e Ungheria sono state sanzionate dalla commissione disciplinare dell’UEFA per i cori e comportamenti razzisti dei propri tifosi nel corso della partita di qualificazione Ungheria – Slovacchia del 9 settembre, vinta dagli slovacchi con il risultato di 2-1. I disordini scoppiati nelle tribune allo stadio di Budapest hanno richiesto l’intervento della polizia antisommossa. Alla federazione ungherese è stata comminata una multa da oltre 67 mila euro per il lancio di oggetti e fuochi d’artificio da parte dei suoi fan. La federazione slovacca ha ricevuto una sanzione da 20 mila euro.

Hungary – Slovakia 09/09/2019

Uverejnil používateľ UEFA Mafia Streda 11. septembra 2019

Per entrambe è stato deciso che il prossimo turno di qualificazione in casa agli Euro 2020 sarà disputato a porte chiuse. La Slovacchia, che giocherà in casa contro il Galles il 10 ottobre, dovrà farlo senza spettatori. Lo stesso, tre giorni dopo, per l’Ungheria giocherà che contro l’Azerbaigian.

Anche la Romania ha subito lo stesso trattamento, anche in questo caso per comportamenti razzisti, lancio di oggetti e di fumogeni. Ungheria e Slovacchia sono appaiate al secondo posto del gruppo E, la Romania è terza nel gruppo F.

In vista del match tra Slovacchia e Galles del 10 ottobre, che si terrà a Trnava senza pubblico, la Federazione calcio slovacca (SFZ) ha informato che intende appellarsi alla decisione delle autorità UEFA, «utilizzando tutti i mezzi giuridici disponibili per consentire alla squadra di calcio nazionale slovacca di giocare una partita importante con il Galles di fronte agli spettatori». Dopo la partita incriminata SFZ aveva lamentato la cattiva organizzazione e il fatto che il settore ospiti era stato diviso in due parti, una delle quali tifava chiaramente la squadra nazionale ungherese. C’era dunque da aspettarsi il rischio di scontri, che le autorità locali hanno forse sottovalutato. La Federcalcio assicura inoltre di volere rimborsare, in caso di rigetto del ricorso, tutti coloro che hanno già acquistato i biglietti per la partita di Trnava.

Nell’edizione di settembre della classifica mondiale della Federazione calcistica internazionale (FIFA), la squadra nazionale slovacca è salita di due posizioni al 29° posto, con 1493 punti a pari merito con la Tunisia. Guida la classifica il trio composto da Belgio (1752 punti), Francia (1725) e Brasile (1719). L’Italia è 15esima con 1583 punti.

(Red)

Foto SFZ

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.