L’IVA su un certo numero di alimentari scenderà al 10%

Diversi prodotti alimentari godranno di una imposta sul valore aggiunto ad aliquota ridotta. Si tratta di alcuni prodotti lattiero-caseari, molti tipi di frutta e verdura, miele e pane, che secondo un emendamento del Partito nazionale slovacco (SNS) approvato giovedì dal Parlamento vedranno scendere il carico di IVA dal 20% al 10%. La misura ammonterebbe a un taglio di imposte per 65 milioni di euro, dopo che l’iniziale elenco di alimenti è stato ridimensionato rispetto alla proposta iniziale nelle discussioni con gli altri partner di coalizione. Sono stati scelti in particolare cibi sani, «perché crediamo che la salute delle persone venga prima di tutto», ha affermato la deputata Antošova (SNS), che ha favorito il compromesso, e possibilmente di produzione nazionale, per sostenere la locale industria alimentare. SNS tuttavia non nasconde l’ambizione, in futuro, di limitare l’IVA al 10% indistintamente su tutti i prodotti alimentari.

Tra gli alimenti ad aliquota ridotta ci sono latte acido, smotana, jogurt, kefír e altri tipi di latte e panna fermentati o acidofili, formaggio di pecora al 100%, succhi di frutta e verdura, verdure delle zone temperate, patate, pomodori, cipolle, aglio, porri, cavoli, cavolfiori, cavolo rapa, lattuga, cetrioli, sottaceti, legumi, mele, pere, miele naturale, pane fresco che non sia precotto o scongelato.

(Red)

Foto Bicanski CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.