Deputato Most-Hid esce dal partito, la coalizione perde la maggioranza in Parlamento

La coalizione ha perso ufficialmente la maggioranza formale nel Consiglio nazionale della Repubblica Slovacca. Sui 150 membri del Parlamento, i seggi dei tre partiti che fanno parte della coalizione si sono ridotti a 75, dopo che in giornata il deputato Martin Fedor ha deciso di lasciare il gruppo parlamentare di Most-Hid per ingrossare la schiera dei parlamentari indipendenti. All’interno di questa compagine, tuttavia, ci sono diversi eletti che fin dai primi mesi di questa legislatura hanno sostenuto i provvedimenti sponsorizzati dalla coalizione.

Fedor ha citato, tra i motivi per lasciare il suo partito, le differenze di opinione rispetto alle politiche adottate dal governo. In un comunicato stampa il deputato cita tra le sue ragioni il crescente populismo, la propaganda e l’incapacità di approvare documenti di sicurezza strategica. Tuttavia, Fedor ha lodato il grande contributo di Most-Hid per una riconciliazione tra slovacchi ed ungheresi etnici e per salvaguardare il paese da politiche sconsiderate che altrimenti sarebbero emerse all’interno della coalizione di governo.

La maggioranza ufficiale di 75 parlamentari è composta ora di 48 deputati Smer-SD, 15 del Partito nazionale slovacco (SNS) e 12 di Most-Hid. I parlamentari indipendenti Alena Basistova, Martina Simkovicova, Rastislav Holubek e Peter Marcek, che hanno in moti casi dimostrato di votare in accordo con la coalizione, rimangono l’asso nella manica del governo Pellegrini per poter concludere gli ultimi mesi di legislatura.

(Red)

Foto NRSR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.