Elezioni nelle ambasciate per gli slovacchi all’estero, il Parlamento non approva

I cittadini slovacchi che risiedono all’estero non potranno votare nelle rappresentanze della Repubblica Slovacca – ambasciate e consolati – presenti nel loro paese di residenza. Il Parlamento ha respinto martedì un emendamento alla legge sul diritto di voto proposto dal partito di opposizione SaS che chiedeva il voto all’estero per il Consiglio nazionale (il Parlamento slovacco), il Parlamento europeo, le elezioni presidenziali, il voto popolare sul sollevamento del presidente della Repubblica e i referendum. La proposta legislativa avrebbe consentito la spedizione per posta del voto a qualsiasi ambasciata slovacca all’estero, che avrebbe poi provveduto a raccogliere e inviare al ministero degli Interni i voti, che poi sarebbero stati redistribuiti ai comuni.

Con questa mancata approvazione, che arriva dopo l’aperto sostegno annunciato dalla presidente Zuzana Čaputová e dal primo ministro Peter Pellegrini, rimane dunque possibile soltanto il voto all’estero per le elezioni parlamentari del 2020, e rimangono esclusi tutte le altre tipologie di elezioni – dalle comunali alle regionali, dalle presidenziali a quelle europee.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.