Crescita record del salario medio in Slovacchia nel secondo trimestre del 2019

La crescita del salario nominale medio mensile nel secondo trimestre ha registrato un’impennata senza precedenti, con un aumento fino a 1.101 euro, pari al 9,7% su base annua. Il salario reale, tenuto conto del tasso di inflazione, è aumentato del 7%, mentre il salario medio destagionalizzato è cresciuto del 2,9% rispetto al primo trimestre del 2019, secondo dati dell’Ufficio di Statistica.
Il livello più alto del salario mensile medio, superiore a 1.890 euro, è stato registrato nel settore delle attività finanziarie e assicurative, informazione e comunicazione, nonché nella fornitura di elettricità e gas. Il salario risulta invece inferiore alla media in 11 settori economici, tra i quali il settore alberghiero e della ristorazione (657 euro) e l’edilizia (740 euro).
Il salario nominale medio mensile appare superiore alla media solo nella regione di Bratislava, dove raggiunge i 1.368 euro. Nelle altre regioni le cifre sono di gran lunga inferiori, variando dagli 832 euro nella regione di Prešov ai 1.033 euro nelle regioni di Trnava e Košice.
La crescita del salario medio è dovuta ad un complesso di fattori, quali l’andamento positivo dell’economia nazionale, la mancanza di forza lavoro, l’aumento del salario minimo e delle retribuzioni dei dipendenti della pubblica amministrazione.
Gli analisti dell’Istituto per le politiche finanziarie (IFP) del Ministero delle Finanze osservano che gli stipendi dei dipendenti dell’amministrazione centrale sono aumentati del 20%, la percentuale più alta dal 2002.
Inoltre, le retribuzioni introdotte dal governo per il lavoro notturno, durante il fine settimana e i giorni festivi sono aumentate nel maggio di quest’anno e i dipendenti hanno ricevuto anche la tredicesima mensilità.

In Slovacchia, gli stipendi sono cresciuti più rapidamente della produttività del lavoro e in modo continuativo per 22 trimestri. Il divario tra salario e produttività del lavoro si è addirittura approfondito nell’ultimo trimestre. Al contrario, vi è stato un rallentamento della crescita dei salari nelle industrie di trasformazione e nel settore delle costruzioni, a causa della diminuzione della produzione e di un clima di crescente incertezza, come osserva Ľubomír Koršňák, analista di UniCredit Bank. Anche nel settore finanziario si è registrato un analogo rallentamento.
Gli analisti prevedono che la tendenza all’aumento degli stipendi nominali in Slovacchia continuerà, ma solo nel breve termine, attestandosi ad un +7,5% quest’anno, mentre nel 2020 la crescita dovrebbe essere piú contenuta (5%).
Va sottolineato che anche in altri Paesi dell’Europa centrale e orientale (CEE), si sta registrando un analogo aumento dinamico dei salari.

(Red)

Foto nattanan23 CC0
Illustr: geralt CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.