Il ministro Kalavská difende la riforma degli ospedali: “occorre depoliticizzare la questione”

Per fornire un’assistenza sanitaria più sicura e di migliore qualità in Slovacchia sarà necessaria una serie di riforme radicali. Lo ha dichiarato il ministro della sanità, Andrea Kalavská (candidata del partito Smer-SD), nel corso di una conferenza stampa che si è svolta giovedì 5 settembre presso il ministero della Sanità alla presenza di noti esperti.
Dopo il 16 settembre, Kalavská intende incontrare tutti i partiti politici per difendere il progetto di stratificazione degli ospedali. Quella che viene considerata una delle più grandi riforme del sistema sanitario slovacco prevede entro il 2030 la creazione di una rete di nosocomi distribuiti in tutto il Paese con compiti differenziati e ben definiti.Occore depoliticizzare la questione e considerarla esclusivamente dal punto di vista professionale, ha detto il ministro, che ha invitato tutti i politici slovacchi ad assumere un “atteggiamento responsabile” nei confronti della riforma. “Abbiamo ascoltato attentamente tutte le opinioni in modo da impostare il concetto di miglioramento della qualità del sistema nel miglior modo possibile. La stratificazione attualmente in corso è naturale. Vogliamo stabilire regole chiare e trasparenti per migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria per i pazienti e garantire migliori condizioni di lavoro per medici, infermieri e altri operatori sanitari”, ha affermato Kalavská.

Secondo il piano di riforma, al quale hanno a lungo lavorato numerosi esperti e organizzazioni professionali, gli ospedali slovacchi saranno divisi in tre categorie: gli ospedali locali per le cure urgenti saranno accessibili ai pazienti entro 30 minuti dalle loro abitazioni, gli ospedali regionali per l’assistenza sanitaria più completa entro un’ora e gli ospedali nazionali per i trattamenti medici più complessi entro 2 ore.
La stratificazione prevede inoltre la definizione graduale da parte degli ospedali di alcuni criteri, come il numero minimo di trattamenti medici all’anno, e l’introduzione di un nuovo tipo di ospedale specializzato nella cura a lungo termine dei pazienti.
In caso di approvazione, tuttavia, la legge, entrerebbe in vigore soltanto nel 2024.

(Red)

Foto: strana-smer.sk
Pixabay CC0

 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.