La Slovacchia non rispetterà impegni 2020 per riduzione gas serra

Secondo la Corte dei conti slovacca (NKÚ) la Slovacchia non riuscirebbe a rispettare i propri impegni in materia di riduzione dell’impronta ambientale e di conversione a una produzione energetica più sostenibile. Il presidente di NKÚ, Karol Mitrík, ha dichiarato che purtroppo «non stiamo rispettando i nostri impegni in alcuni settori. Sono preoccupato e quasi sicuro che non riusciremo a rispettarli». La quota di energia prodotta da fonti rinnovabili avrebbe dovuto salire al 14% entro il 2020, ma è invece diminuita rispetto al 2015, quando era al 12,9%, di fatto ritornando indietro di diversi anni. Gli obiettivi della Slovacchia per il 2030 sono ancora più ambiziosi: ottenere il 18% di energia da fonti rinnovabili.

NKÚ ha espresso riserve sul sostegno dichiarato dal governo alla mobilità elettrica, e dice che il paese è indietro nell’uso di carburanti alternativi come l’idrogeno, per i quali non esistono incentivi. Allo stesso modo, lo Stato non ha fornito alcun sostegno mirato alla vendita di veicoli alimentati a metano (gas naturale compresso), GNL (gas naturale liquefatto) o GPL (gas di petrolio liquefatto). Le agevolazioni fiscali, l’introduzione di un’aliquota ridotta di accisa sui veicoli a motore e la riduzione della tassa per l’immatricolazione dei veicoli sono stati un incentivo che ha solo leggermente incoraggiato l’acquisto di veicoli a carburante alternativo ma non si è tradotto in un aumento del consumo di carburanti alternativi. La Slovacchia è poi in ritardo nell’uso dell’idrogeno come combustibile alternativo, e negli ultimi anni non è costruita nessuna stazione di idrogeno accessibile al pubblico, e non è stato fornito nessun sostegno statale o diretto al settore.

Il ministero dell’Economia non è d’accordo con la visione di NKÚ e dice che l’economia della Slovacchia cresce ed è più basata sulla produzione, dunque abbisogna di un maggiore consumo di energia – in particolare elettricità e carburante per i trasporti. Per questa ragione, la quota di fonti rinnovabili sta percentualmente diminuendo, anche se nella realtà il volume effettivo di energia verde prodotta è in crescita.

(Red)

Foto Mat Fascione cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.