La Croce nera d’Austria al governatore veneto per l’impegno nella conservazione dei sacrari

A Palazzo Balbi a Venezia, sede della Regione Veneto, una delegazione dell’ente morale austriaco “Croce Nera d’Austria”, che ha lo scopo di preservare e dare degna sepoltura a tutti i caduti austriaci durante i conflitti storici, ha decorato con l’Insegna d’Oro al Merito il governatore veneto Luca Zaia per l’ottima cura regionale dei sacrari. «Ho ricevuto questa onorificenza non per me ma a nome di tutti i veneti – ha detto Zaia a margine dell’incontro – e quale segno di considerazione verso tutta la nostra Regione che, con la giusta dignità, conserva nei suoi cimiteri e nei suoi sacrari le spoglie di decine di migliaia di soldati austriaci. Gli eventi bellici che si sono succeduti in questa terra hanno lasciato una lunga scia di lutti per tutti gli eserciti presenti, i cui Caduti hanno qui una dimora perenne, senza più distinzione tra le nazionalità».

La Croce Nera d’Austria è un ente morale fondato nel 1919 dagli ex combattenti della Prima guerra mondiale, con lo scopo di preservare, curare e dare degna sepoltura a tutti i caduti dell’ex impero austro-ungarico e degli austriaci che nei secoli hanno perso la vita nei diversi conflitti. Il presidente dell’ente Peter Rieser, a capo della delegazione ricevuta da Zaia, ha espresso al governatore la sua ammirazione per le bellezze del Veneto. «Venezia è una città di richiamo internazionale e per noi oggi è un onore essere qui», ha dichiarato, ringraziando il presidente della Regione Veneto per la cura e l’attenzione dedicata ai sacrari. «I legami tra Italia e Austria – ha continuato Rieser – non sono sempre stati amichevoli, ed è per questo che oggi siamo felici di vivere in un’Europa non più divisa, nella pace e nella libertà». Ai valori della Pace si è richiamato anche il presidente Zaia, ricordando l’esperienza di suo nonno, combattente sul Grappa durante la Grande Guerra.

Uverejnil používateľ Luca Zaia Utorok 6. augusta 2019

(aise)

Foto Dage cc by
Sacrario del Grappa e Cimitero
austro-ungarico su Cima Grappa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.