Il ministro delle Finanze a favore di un aumento del salario minimo

Il ministro delle Finanze Ladislav Kamenický è a favore dell’aumento del salario minimo, per il quale il ministero del Lavoro si appresta a proporre al governo di aumentarlo dal prossimo anno dagli attuali 520 a 580 euro mensili lordi, per un ammontare pari a 3,333 euro all’ora. Un salario minimo più elevato «motiva le persone a lavorare piuttosto che a vivere di sussidi sociali», ha affermato Kamenický. Egli pensa del resto che la crescita della retribuzione minima è necessaria anche perché la Slovacchia è il paese in cui i lavoratori fanno il maggior numero di turni di notte o festivi rispetto agli altri paesi dell’Unione europea.

Con un salario minimo più elevato, argomenta il capo delle Finanze, si crea pressione sulle imprese per una riduzione di tale modello di lavoro. Anche l’importo delle gratifiche per il per lavoro notturno e di sabato e domenica è collegato al salario minimo orario, il che significa che un minimo salariale più alto aumenterà i costi dei datori di lavoro per i turni di notte e nel fine settimana. Inoltre, l’aumento del salario minimo spingerà anche il livello degli altri salari, «dove siamo ancora in ritardo nell’UE», e darà riscontri positivi sui consumi interni, «che sono uno dei motori della crescita economica della Slovacchia».

Secondo Kamenický negli ultimi anni si è scoperto che la crescita del salario minimo non ha provocato aumenti della disoccupazione, non ha avuto un impatto negativo rilevante sulle finanze pubbliche, ma al contrario ha avuto un impatto positivo sulla crescita salariale del gruppo di lavoratori a più basso reddito.

(Red)

Foto FB/MFSR

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.