Il Ministero della Salute annuncia una delle più grandi riforme in questo settore


Il ministro della Salute della Repubblica slovacca, Andrea Kalavská (Smer-SD), ha annunciato giorni fa il lancio di quella che ha definito «una delle più grandi riforme nel settore sanitario nella storia del nostro paese», il cui progetto di legge proprio a fine luglio è stato infiato alla fase di dibattito interministeriale. Kalavská ha affermato che il progetto è stato ispirato da quanto fatto in diversi paesi dell’Europa occidentale, in particolare il modello danese, dopo che i funzionari del ministero hanno condotto uno studio su tutti i modelli e sistemi sanitari dell’Europa occidentale che ottengono risultati migliori di quallo slovacco. Si è poi passati all’analisi in dettaglio dei paesi che più assomigliano alla Slovacchia dal punto di vista demografico ed epidemiologico. Sulla base di questa ricerca si è iniziato a disegnare la riforma del sistema sanitario.

Con quell’annuncio, il ministro ha voluto anche rispondere alle raccomandazioni espresse dall’Istituto di studi economici e sociali (INESS), un think tank indipendente slovacco che valuta quello slovacco come uno dei sistemi sanitari meno efficienti. La priorità principale del piano di riforma è la ridefinizione e stratificazione di tutti gli ospedali del paese, copiando le buone pratiche messe oin campo ad esempio in Olanda, Belgio, Germania e paesi nordici. E infine la Danimarca, che è stata scelta come il paese che più assomiglia alla Slovacchia a questo riguarda. In tutti i paesi indicati è stata registrata una diminuzione della mortalità o una maggiore efficacia nel corso delle degenze ospedaliere.

Il ministero ha inoltre incluso nella riforma obiettivi di breve, medio e lungo termine, come del resto suggerito da INESS, con la finalità ultima di creare un sistema sanitario più sicuro e di qualità superiore, riducendo il numero di ripetizioni di interventi e degenze in ospedale, e in generale migliorare l’accessibilità dei pazienti ai servizi sanitari.

La proposta legislativa del ministero prevede che gli ospedali pubblici del paese vengano suddivisi in tre categorie, cui i pazienti potranno accedere nel breve, medio e lungo raggio in base alla gravità delle patologie. Sarà chiatito in modo inequivocabile quali tipi di servizi medici saranno eseguiti in ciascuna tipologia di ospedale e il paziente sarà sempre inviato a un centro ospedaliero dove è garantita un’assistenza medica di qualità. Secondo fonti del ministero questo progetto, che dovrebbe essere elaborato attraverso una legge costituzionale e quindi avrà bisogno di un sostegno parlamentare ben superiore alla maggioranza che appoggia il governo (servono 90 deputati su 150 seggi totali), richiederà la modifica di diverse leggi e disposizioni governative giù in vigore. Proprio nelle normative complementari saranno meglio definiti i criteri che stabiliranno come ogni cittadino debba avere gli stessi diritti a un’assistenza medica accessibile e di qualità, dice il ministero.

Kalavská ha espresso l’augurio che la riforma riceva il sostegno di tutte le forze politiche, ma per ora solo i partiti di governo Smer-SD e Most-Hid, e il partito di opposizione SaS, hanno espresso pubblicamento che voteranno a favore. Gli altri partiti intendono quanto meno attendere che il progetto di legge arrivi in Parlamento nella sua forma definitiva prima di esprimere un giudizio. Il ministro ha affermato che la riforma non eliminerà alcun ospedale, ma per ognuno di essi sarà ben definito il proprio compito e specializzazione, anche in base agli attuali risultati sanitari.

Il provvedimento, se approvato, entrerà in vigore dal 2024. Secondo il ministero, se non si fa nulla per quella data, la sanità slovacca avrà bisogno di 3100 medici e quasi 10.000 infermieri entro il 2030. Già oggi si fa ricorso a medici e sanitari di altri paesi per sopperire alla carenza del personale slovacco, che preferisce andare a lavorare nei paesi dell’Europa occidentale.

(Red)

Foto Pxhere CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.