Peste suina, un nuovo contagio nel sud-est della Slovacchia

Dopo quello del villaggio di Strážne di pochi giorni fa è stato acclarato un secondo caso di peste suina africana in Slovacchia a poco più di 5 chilometri di distanza. L’Amministrazione statale veterinaria e alimentare (ŠVPS) ha riferito ieri che nel villaggio di Veľký Kamenec (regione di Košice) è stato rinvenuto il contagio in un maiale deceduto nel fine settimana, l’unico presente nell’azienda agricola.

Intanto, la zona di protezione di 3 chilometri e la zona di supervisione di 10 chilometri istituite intorno al primo focolaio, nei pressi del confine ungherese, devono essere allargate per includere le nuove aree toccate dal virus. E i tecnici, che sono al lavoro nella zona per abbattere il resto dei maiali allevati all’interno di una dozzina di aziende, dovranno prevedere nuove soppressioni di animali nella nuova area. Una unità mobile di macellazione sta eseguendo l’operazione per tentare di fermare la diffusione della malattia. Il sangue dei maiali uccisi viene inviato in laboratorio per fare ulteriori analisi. Il virus della peste suina africana non è pericoloso per la popolazione, in quanto non è trasmissibile all’uomo.

Intanto in Europa sono quasi cinquecento i casi rilevati di peste suina dall’inizio dell’anno. Il numero più alto di focolai si registra in Romania (421), seguita da Ucraina (24), Polonia (21) e Bulgaria (16). In Italia al momento un solo caso, in Sardegna. Sintomi tipici della malattia includono febbre elevata, inappetenza, problemi respiratori, difficoltà nel movimento ed emorragie interne.

 

(Red)

Foto DarkoStojanovic CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.