Investimento di 100 milioni per produrre in Slovacchia batterie per auto elettriche

Un investimento di 100 milioni di euro consentirà lo sviluppo della ricerca nel settore della produzione di batterie per l’industria automobilistica. Il contratto per la costruzione del primo impianto di produzione di batterie in Slovacchia è stato firmato dalla società slovacca InoBat e dalla società americana WildCat Discovery Technologies. Lo hanno annunciato il 26 luglio il co-fondatore e direttore esecutivo di InoBat, Marian Bocek, e il presidente di WildCat Discovery Technologies, Mark Gresser, durante la conferenza stampa alla presenza del vicepresidente della Commissione europea per l’Unione energetica Maroš Šefčovič e del vicepresidente della Banca europea per gli investimenti Vazil Hudák.

Wildcat sviluppa una tecnologia che combina la sperimentazione ad alte prestazioni (HTP) e l’intelligenza artificiale e collabora con case automobilistiche e produttori di elettronica (Toyota e Samsung Electronics). La costruzione del nuovo impianto, che probabilmente sarà situato nella Slovacchia occidentale, dovrebbe iniziare nel secondo trimestre del 2020, mentre la produzione di batterie inizierà alla fine del 2021.

È prevista una produzione iniziale di circa 1.500 batterie all’anno, con un aumento fino a 150.000 unità, destinate alle case automobilistiche dell’Europa centrale e orientale. La tecnologia brevettata consentirà di lanciare «una rivoluzione nella batteria per auto elettriche in Europa», ha detto Bocek. Si tratta di una cooperazione “strategica”, ha aggiunto, che consentirà la creazione di nuovi posti di lavoro nei prossimi decenni e garantirà il primato nello sviluppo di nuove batterie.

InoBat è una società di ricerca e produzione di batterie con l’obiettivo di servire al mercato europeo nuove soluzioni energetiche. InoBat è supportata da un gruppo di investimento chiamato IPM Group e da player regionali dell’industria energetica come i gruppi A.EN. e MSM. WildCat Discovery Technologies, con sede a San Diego, California, si occupa di accelerare la scoperta di nuovi materiali per applicazioni energetiche, con particolare attenzione allo sviluppo di materiali avanzati per batterie ricaricabili.

Il progetto comune risponde alle direttive stabilite dalla Commissione europea, volte ad «accelerare la transizione verso un’economia UE sostenibile, sicura e competitiva». In questa transizione, le batterie saranno uno degli elementi chiave di facilitazione, a causa dell’importante ruolo che svolgono nella stabilizzazione della rete elettrica, nonché per lo sviluppo di una mobilità pulita.

Gli esperti prevedono che la domanda di batterie aumenterà molto rapidamente nei prossimi anni e che il valore potenziale del mercato europeo potrebbe raggiungere i 250 miliardi di euro all’anno dal 2025. Il settore della produzione di batterie può offrire nuovi posti di lavoro di alto valore, diventando un fattore chiave per la competitività e la leadership industriale dell’UE.

Pertanto, la Commissione europea considera le batterie come “una catena del valore strategica”, in cui l’UE deve aumentare gli investimenti e l’innovazione. L’elettrificazione, una delle principali strade tecnologiche per raggiungere un bilancio carbon neutral, necessita infatti di forti investimenti. Si stima che in Europa saranno costruiti da 20 a 30 gigafactories per la produzione di celle a batteria. Ciò comporta una rapida mobilitazione degli investimenti privati ​​e un rafforzamento significativo dell’ecosistema correlato.

Maroš Šefčovič, che è fondatore della EU Battery Alliance, ha affermato che «l’Unione europea dovrebbe diventare il secondo mercato unico per batterie per auto elettriche e per lo stoccaggio dell’elettricità». Mentre Hudák
sostiene che  «La Banca europea per gli investimenti ha sviluppato una stretta collaborazione con la Commissione europea per sostenere lo sviluppo del settore delle batterie nell’UE», e aggiunge che è importante «portare le migliori tecnologie globali in Europa e migliorarle secondo gli standard dell’UE».

(Fonte Buenos días Eslovaquia)

Foto RudolfSimon cc by sa
stanvpetersen CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.