Peter Sagan ancora in Maglia verde, per lui record al Tour de France

«Sono molto contento di questa settima maglia verde. Sono anche sorpreso. Ogni anno torno per fare del mio meglio. La prima Maglia verde è stata una grande sorpresa perché ero venuto a vincere qualche tappa, ma alle vittorie si è aggiunta la maglia verde. La seconda volta è stata per il Centenario del Tour. Dopodiché ha iniziato ad essere più semplice, o meglio, direi che l’avevo più sotto controllo. Sono contento di fare la storia nel Tour de France con la Maglia verde. Il mio momento migliore quest’anno è stato quando ho vinto la quinta tappa. Altri bei momenti sono stati quelli in cui sono state accorciate le tappe in montagna. Questa era un’ottima notizia per me. Quando ho tagliato il traguardo qui a Parigi, è stata un’altra bella sensazione».

Questi i commenti di Peter Sagan, il folletto slovacco della bici, dopo avere incassato a Parigi domenica la sua settima vittoria della classifica a punti – la cosiddetta Maglia verde – nella corsa in bicicletta più leggendaria al mondo, il Tour de France. Trofeo che gli arriva alla sua ottava partecipazione. Sagan era già in testa dopo la terza tappa, e ha mantenuto il comando con un vantaggio sostanziale fino alla fine, fino al traguardo sugli Champs-Élysées il 28 luglio. In questa edizione il ciclista slovacco ha riportato una vittoria nella quinta tappa, ed è arrivato secondo due volte. Nella tappa finale è arrivato al decimo posto.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Mai, da quando è stata introdotta 67 anni fa, la Maglia verde del Tour è andata per sette volte allo stesso ciclista. Finora a detenere il record era il belga Erik Zabel, che dal 1996 al 2001 non lasciò spazio a nessun altro: la classifica a punti del Tour fu sempre sua, per sei volte.

Il record di Sagan, però, ha un retrogusto amaro. Zabel conquistò i suoi trofei uno dietro l’altro senza pause. Sagan poteva fare lo stesso risultato, ma ha subito uno stop nel 2017 quando fu squalificato per un atto che non aveva commesso, e dovette rinunciare alla serie vincente ininterrotta, fermandosi a cinque. Le altre due vittorie del 2018 e 2019 gli fanno senz’altro spazio nella storia della corsa più famosa del mondo – sebbene per una classifica ‘minore’ – ma lasciano al belga quel record consecutivo di sei maglie che ormai lo slovacco non può più sperare di raggiungere.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Ma Peter Sagan non si lascia intristire da quell’ingiusto episodio, e racconta la sua soddisfazione per il risultato raggiunto: «Indossare la maglia verde sul podio degli Champs-Elysées è un privilegio e un onore, ancor più quando è per una settima volta da record». Insomma, il tre volte campione del mondo su strada – questa volta tre volte consecutive, nel 20152016 e 2017, per la prima volta nella storia – e pure nel 2016 campione europeo e vincitore dell’UCI World Tour, rimane un gran personaggio, positivo e peraltro simpatico un po’ a tutti, che avvicina al mondo del ciclismo anche persone che non sono proprio dei tifosi di quel che è considerato uno degli sport più faticosi e che lui fa sembrare leggero e spensierato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Rimane in ogni caso la soddisfazione di avere un posto nell’Olimpo, insieme a campioni come Sean Kelly (4), Eddy Merckx (3 maglie verdi, e insieme anche gialle come trionfatore della Grande Boucle – 1969/71/72), Freddy Maertens (2) e altri. Nelle statistiche del Tour, Sagan risulta anche essere uno dei soli quattro ciclisti (c’è anche Merckx) ad avere conquistato nello stesso anno, insieme alla classifica a punti, anche il premio “combattività”, nel 2016. Non indifferente anche il numero di tappe vinte complessivamente dal nostro, dodici, lo stesso numero di Bartali, Indurain, Cipollini, e, ancora, Zabel.

Leggi questo bel commento sul Foglio:
L’inno alla gioia di Peter Sagan

(La Redazione)

Foto petersagan.com/
bettiniphoto.net

 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.