Più di 73.000 stranieri lavoravano in Slovacchia alla fine di giugno

Il numero di stranieri che lavorano in Slovacchia è salito a 73.080 al 30 giugno 2019. Si tratta di 990 persone in più rispetto al mese precedente, e di ben 15.082 unità in confronto alla stessa data dell’anno scorso. A darne notizie è il Centro nazinoale per il lavoro, gli affari sociali e la famiglia (UPSVaR) secondo il quale oltre 33 mila stranieri provengono dall’UE e dallo Spazio economico europeo (SEE).

Il saldo netto positivo di 990 lavoratori è dato dai 463 europei che hanno lasciato il lavoro in Slovacchia rispetto a maggio, e dai 1.450 stranieri provenienti da paesi terzi che invece sono nuovi addetti dell’economia nazionale. Tra coloro che vengono da paesi terzi, extra UE, i gruppi più numerosi sono composti dai serbi, gli ucraini e i vietnamiti. Secondo le dinamiche osservate nel mese, i serbi sono in numero stabile, mentre gli ucraini stanno aumentando.

Per quando riguarda i paesi dell’Unione europea o del SEE, i gruppi più numerosi di lavoratori sono quelli di rumeni, cechi, ungheresi, polacchi, italiani e croati, ognuno con oltre mille impiegati. Se di lavoro più comune per gli stranieri è la capitale Bratislava, seguita dalla vicina città di Trnava.

(Red)

Illustr. BS/pixabay

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.