Microplastiche, ne mangiamo almeno 50 mila particelle all’anno

Il peggio quando si beve l’acqua minerale: per l’acqua in bottiglia un contenuto fino a 22 volte più alto di microplastiche rispetto a quella del rubinetto

Ogni anno mangiamo in media 50 mila microparticelle di plastica, ma probabilmente ne assumiamo molte di più. Se poi beviamo tutti i giorni acqua minerale i numeri schizzano alle stelle. La prima stima sulla quantità di microplastiche – particelle di dimensioni inferiori ai cinque millimetri – che ogni persona ingerisce con la dieta è stata fatta da un gruppo di ricercatori canadesi dell’Università di Victoria. Il lavoro  pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology ha calcolato quante particelle finiscono nei piatti di un consumatore americano medio.

Per calcolare quanta plastica mangiamo insieme al cibo, gli autori dello studio hanno usato i dati di 26 ricerche sul contenuto di microplastiche in diversi alimenti e bevande. Il risultato è che ogni adulto assume  circa 52 mila particelle in un anno (46 mila per le donne). Numeri un po’ più bassi per i bambini, che ingeriscono annualmente tra le 41 mila (maschi) e le 38 mila (femmine) particelle.

Cifre da capogiro, che però rappresentano solo una piccola parte delle quantità assunte ogni anno, perché i dati a disposizione riguardano solo il 15% delle calorie introdotte. Stimare l’apporto del restante 85% della dieta non è possibile, ma gli autori ipotizzano che il numero totale potrebbe essere nell’ordine delle diverse centinaia di migliaia di particelle. Gli studi condotti finora, hanno conteggiato solo le microplastiche presenti in alimenti come pesce, frutti di mare, miele, zucchero, sale, birra e acqua.

[…] Continua su Il Fatto Alimentare

Foto RyanMcGuire CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.