Le tre migliori istituzioni scientifiche in Slovacchia faranno ricerca insieme

Le tre istituzioni scientifiche più importanti della Slovacchia, vale a dire l’Università Comenius di Bratislava (UK), l’Università slovacca di tecnologia di Bratislava (STU) e l’Accademia delle scienze slovacca (SAV), hanno definito un protocollo di cooperazione a tre con l’obiettivo di condurre ricerche scientifiche di alto livello e progetti disciplinati da un memorandum che è stato firmato il 24 giugno.

Le tre istituzioni, che svolgono con i loro ricercatori la maggior parte della ricerca scientifica in Slovacchia (oltre il 55% di tutte le pubblicazioni scientifiche registrate da istituzioni slovacche nel database Web of Science, e il 70% di quelle nel database Current Contents Connect) creeranno un cluster scientifico per migliorare l’offerta di istruzione superiore e contribuire allo sviluppo della scienza, dell’istruzione e della cultura nella società. La missione del cluster sarà quella di migliorare il profilo nazionale e internazionale delle istituzioni nazionali, e attrarre studenti, scienziati, professionisti e investimenti di straordinaria qualità. Attraverso un coordinamento delle loro attività, punteranno a produrre risultati scientifici di livello mondiale e promuovere il benessere sociale, economico, culturale e ambientale e la prosperità del paese.

Con questa intesa, ha detto il rettore della Comenius Marek Števček, arrivata dopo mesi di sforzi, vogliamo «diventare partner piuttosto che concorrenti», per rendere «le scienze in Slovacchia più competitive di quanto siano state finora». Secondo il rettore della STU Miroslav Fikar è necessario «costruire una forte infrastruttura di ricerca» nel paese per «inviare un segnale forte alle nostre organizzazioni e al mondo che i tre più efficaci e produttivi istituti di ricerca scientifica in Slovacchia vogliono lavorare insieme nell’arena internazionale». Anche Pavol Šajgalík, presidente dell’Accademia delle scienze slovacca, ritiene il progetto di grande importanza perché «la Slovacchia sta soffrendo di un deflusso di studenti che scelgono di studiare all’estero, anche in località vicine come Brno, che ci sta ‘rubando’ gli scienziati. Sono convinto che questo memorandum sarà di aiuto per attenuare questo problema».

(La Redazione)

Foto brendageisse CC0
Foto uniba.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.