I partiti etnici ungheresi aprono a una collaborazione per le elezioni 2020

I partiti politici che si rivolgono alla minoranza etnica ungherese hanno aperto un canale di dialogo per verificare la possibilità di cooperazione in vista delle prossime elezioni parlamentari della primavera 2020. Un passo che si è reso necessario dopo che le recenti elezioni europee hanno mostrato la difficoltà di ottenere voti sufficienti a conquistare seggi. Most-Hid, oggi al governo come terzo partito, nei più recenti sondaggi appare sempre sotto la linea di galleggiamento (la soglia di sbarramento del 5%) dopo che nei tre anni della corrente legislatura aveva perso voti in modo costante e apparentemente inarrestabile. Ora, a seguito dello shock post-elettorale, la leadership di Most-Hid sta cercando di convincere l’altro partito etnico, l’extraparlamentare SMK, che è stato al governo dal 1998 al 2006, a sedersi a un tavolo e discutere. Entrambi i partiti hanno perduto un seggio al Parlamento europeo.

Sabato scorso il consiglio repubblicano di Most-Hid ha dichiarato il suo interesse a parlare con SMK, ma anche con altri partiti che condividono valori simili, cui offre un certo numero di candidature nella sua lista elettorale. Il primo movimento ad accettare le offerte di Most-Hid per una forte rappresentanza politica degli ungheresi e delle altre minoranze nazionali è stato MKDA-MKDSZ. Mentre SMK annuncerà solo dopo sabato, quando si svolgerà il suo consiglio repubblicano, la sua linea di condotta, ma in linea di massima non sarebbe contrario a una prospettiva di negoziato, dopo averla negata nelle scorse settimane.

(Red)

Foto FB/MostHid

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.