I liberali di SaS vogliono il voto per tutti gli slovacchi all’estero

Il partito di opposizione Libertà e Solidarietà (SaS) ha presentato la scorsa settimana al Parlamento una proposta di emendamento che permetterebbe ai cittadini slovacchi che risiedono all’estero di votare a tutte le elezioni nazionali presso le ambasciate e i consolati slovacchi nel mondo. Questo provvedimento darebbe diritto di voto agli elettori slovacchi nel mondo alle elezioni generali, alle elezioni per il Parlamento europeo, alle elezioni presidenziali e ai referendum.

Oggi questa modalità è possibile soltanto per le elezioni parlamentari. Di recente l’iniziativa chiamata Srdcom doma (Con il cuore a casa) ha avviato una petizione popolare per questo scopo firmata da 37 deputati dell’opposizione prima di essere presentata alla Corte costituzionale. A inizio febbraio il Parlamento non ha passato una proposta per votare all’estero: solo il 28% dei presenti si è espresso a favore. A favore di questo obiettivo è anche intervenuto il primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD): gli slovacchi che vivono all’estero dovrebbero poter votare nelle ambasciate della Slovacchia, invece di dover ritornare in patria per poter esprimere la propria scelta, aveva detto a marzo.

Il progetto di legge di SaS consentirebbe anche ai connazionali all’estero di inviare i voti per posta a qualsiasi missione diplomatica slovacca all’estero, che poi li invierà al ministero degli Interni.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.