Cinema, Oscar alla carriera per Lina Wertmüller, prima regista candidata nel 1977

Oscar alla carriera alla regista italiana Lina Wertmüller. Ad annunciarlo l’Academy of Motion Picture Arts & Sciences di Los Angeles, che ha deciso di premiare anche David Lynch, Wes Studi e Geena Davis.

Novant’anni, Wertmüller è stata la prima donna candidata all’Oscar come migliore regista, per il film Pasqualino Settebellezze nel 1977. «Sono molto grata per la decisione di assegnarmi questo premio. Un premio che non mi aspettavo affatto e che per questo è tanto più gradito, mi fa tanto più piacere», il commento della regista, che ha dedicato il premio a Enrico Job, «compagno di una vita e di lavoro», e alla figlia Maria. «Nel mio cinema ho sempre avuto un certo gusto per il grottesco: distorcere la realtà è sempre stato il mio modo di raccontarla», ha aggiunto.

Wertmüller, iscrittasi ai corsi di regia dell’Accademia Pietro Sharoff nel 1951, dopo un’intensa attività di sceneggiatrice, dialoghista e regista (per il teatro di burattini di Signorelli, il cabaret, la commedia musicale di Garinei e Giovannini e la televisione, realizzando tra l’altro la regia della trasmissione Canzonissima), dopo avere esordito nell’aiuto regia di Fellini in “” (di cui collabora anche alla sceneggiatura), nel 1963 realizza un film d’autrice, “I basilischi“, tenera satira dei giovani delle province del sud, apprezzato sia in Italia sia all’estero, che ottiene la Vela d’argento e il premio Fipresci al Festival di Locarno nel 1963 e il premio della giuria dei giovani al Rencontres del Films pour la jeunesse.

Con Nino Manfredi gira nel 1965 “Questa volta parliamo di uomini“, vincitore della Maschera d’argento. Negli stessi anni dirige per la televisione “Il giornalino di Gian Burrasca”, adattamento dal romanzo di Vamba che è subito un grande successo di pubblico, e due commedie musicali con Rita Pavone, sotto lo pseudonimo di George H. Brown, “Rita la zanzara” e “Non stuzzicate la zanzara”.

Ottiene grande fama negli anni Settanta scrivendo e dirigendo una serie di commedie aggressive: “Mimì metallurgico ferito nell’onore” (1972), “Film d’amore e d’anarchia” (1973), “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (1974), “Pasqualino Settebellezze” (1975), interpretati da Giancarlo Giannini e Mariangela Melato, che caratterizzano subito il suo stile particolare di fare regia: toni grotteschi, stravaganti, racconti macchinosi e abbondanti. I film successivi, sempre marcati dal suo stile ironico e da titoli molto particolari, lunghi, baroccheggianti sono “Sotto… sotto… strapazzato da anomala passione” (1984), “Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti” (1985), “Notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e odore di basilico” (1986), “In una notte di chiaro di luna” (1989), “Io speriamo che me la cavo” (1992) e “Ferdinando e Carolina” (1999).

Dal 1988 al 1993 è stata commissario straordinario del Centro sperimentale di cinematografia. Nel 1996 dal romanzo di Domenico Rea ha realizzato “Ninfa plebea” e “Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica“, sul tema sempre presente nei suoi lavori del conflitto di classe, tra un operaio comunista e una parrucchiera leghista.

Lina Wertmüller sarà presentata insieme agli altri tre premiati alla carriera il 27 ottobre agli 11/i Annual Governors Awards dell’Academy.

(aise)

Foto Sannita cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.