Multe all’estero, novità per la riscossione di comuni e province

Non più solo apparecchi di rilevazione e multe. Il futuro dei controlli sul traffico passerà anche dalla riscossione delle sanzioni all’estero: ancora oggi, sono meno di mille i Comuni e le Province che si muovono per incassare le sanzioni relative a infrazioni commesse con veicoli a targa estera. Così gli enti dovrebbero affidarsi sempre più a società private. E, nel lungo termine, ci dovrebbe essere sempre meno bisogno di autovelox e affini: nel prossimo decennio, le scatole nere diventeranno obbligatorie per i veicoli nuovi e potranno consentire di rilevare le violazioni stradali semplicemente consultando la loro memoria.

Leggi l’articolo qui


Foto WMP cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.