Lo scioglimento dell’Artico costerà moltissimo all’Europa

I dati raccolti dai satelliti dell’Agenzia spaziale europea vengono utilizzati anche per prevedere le conseguenze dello scioglimento dei ghiacciai dell’aumento del livello dei mari sull’economia e la popolazione nei prossimi 100 anni. Di Stefano Valentino.

L’aumento delle temperature a livello globale e il conseguente scioglimento dei ghiacciai ha dei costi per l’Unione europea. Per quanto possa apparire lontano dalla vita quotidiana, la diminuzione dei ghiacci artici colpisce le finanze dei cittadini molto di più di quanto si pensi. Sin dall’ultima era glaciale, tonnellate di acqua ghiacciata erano al sicuro nelle aree più settentrionali del pianeta. La loro inarrestabile trasformazione in inondazioni potenzialmente devastanti colpirà duramente i contribuenti, i governi e le imprese.

Nel 2018 un gruppo di esperti del Centro di Ricerca della Commissione europea ha redatto un’analisi dettagliata del potenziale impatto di questo fenomeno.

Entro la fine del secolo ogni metro quadrato di ghiaccio si aggiungerà a una fattura che arriverà a costare quasi 1 trilione di euro – un miliardo di miliardi – dicono le previsioni.  Il paese più colpito sarà il Regno Unito, seguito da Francia e Italia.

Lo stesso gruppo di esperti è attualmente impegnato in uno studio per stimare il costo delle misure di adattamento, necessarie a mitigare le perdite potenziali di questi eventi. Queste misure prevedono, tra le altre cose, l’installazione o il rafforzamento di strutture di difesa che possano sostenere l’innalzamento dei livelli dei mari.

“Nel breve termine, l’innalzamento del livello dei mari sarà causato principalmente dall’espansione della massa delle acque, dovuta all’aumento delle temperature. Dal 2050 il contributo dello scioglimento dei ghiacci diventerà relativamente più forte”, spiega Michalis Vousdoukas, oceanografo presso l’unità di Gestione del Rischio al Centro di Ricerca della Commissione. “La relazione di causa-effetto tra lo scioglimento dei ghiacci e le conseguenze finanziarie è una realtà, ma non è lineare: un lieve aumento del livello delle acque potrebbe non avere un impatto significativo, ma il loro progressivo accumulo porterà conseguenze combinandosi alle alte maree e alle condizioni meteorologiche avverse più frequenti (uragani e onde)”.

[…]

Continua su VoxEurop

Foto NASA/Kathryn Hansen cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.