Il blocco PS-Spolu invita Andrej Kiska a unirsi a loro con il suo nuovo partito

La vittoria di sabato alle europee, con quattro seggi conquistati al Parlamento europeo, ha dato uno slancio al blocco liberale della coalizione formata da Progresivne Slovensko e Spolu che hanno lanciato un invito al presidente Kiska per unirsi a loro con il suo nuovo partito. Il 20,1% raggiunto in queste elezioni, che fa di PS-Spolu il primo partito in Slovacchia, potrebbe raggiungere nuove vette potenzialmente maggioritarie nel paese insieme all’annunciata nuova formazione politica di Andrej Kiska, che il presidente intende lanciare non appena lasicata la poltrona di capo dello Stato alla presidente eletta Zuzana Čaputová, che si insedierà il 15 giugno. A un anno dalle elezioni parlamentari in Slovacchia, che si svolgeranno nel marzo 2020, unire le forze potrebbe essere l’idea vincente per la nuova destra liberale slovacca.

«Vogliamo allearci con Kiska nella campagna elettorale nazionale, credo che non dovremmo giocare con il destino della Slovacchia», ha detto il deputato Miroslav Beblavy, capo di Spolu. Il presidente di Progresivne Slovensko, Michal Truban, ha dichiarato che il blocco è aperto alla cooperazione con «più di una manciata di partiti». I due nuovi partiti, che ancora non hanno una rappresentanza parlamentare, hanno dunque invitato il presidente a unirsi a loro per una collaborazione a tutto campo.

Spájanie je najlepšia šanca na zmenu pre Slovensko

SPÁJANIE JE NAJLEPŠIA ŠANCA NA ZMENUMiroslav Beblavý SPOLU – občianska demokracia: "Ukázali sme, že na to máme. S Progresívnym Slovenskom rokujeme o spoločnej koalícii do parlamentných volieb, lebo si myslíme – a tieto voľby to ukázali – že je to najlepšie šanca na zmenu pre Slovensko." Boli by sme radi, keby aj ďalšie strany pochopili, že ľudia chcú spoluprácu a keby sa k takejto spolupráci pridal aj Andrej Kiska.

Uverejnil používateľ SPOLU – občianska demokracia Pondelok 27. mája 2019

Commentando i risultati delle europee, per le quali la Slovacchia ha votato nella giornata di sabato 25 maggio, Kiska ha definito la crescita esponenziale della coalizione PS-Spolu una sorpresa, ma al tempo stesso una «fonte di ispirazione e di soddisfazione» vedere nuove persone in politica che battono i vecchi leoni della scena politica slovacca, dispiacendosi tuttavia «della conferma della crescita degli estremisti». Notando che si tratta della quarta elezione di fila – tra regionali, municipali, presidenziali e ora europee – in cui i cittadini in Slovacchia hanno dimostrato di volere un cambiamento, Kiska prevede un buon risultato per «le forze democratiche», un raggruppamento in cui egli non include i socialdemocratici di Smer, anche nelle politiche del 2020.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.