Parte la tombola per il nuovo commissario UE slovacco: Pellegrini suggerisce ancora Šefčovič

Mentre si avvicinano a grandi passi le elezioni per il Parlamento europeo, che significano anche la scadenza del mandato della Commissione europea di Juncker, dal governo slovacco arrivano sussurri su una potenziale conferma di Maroš Šefčovič come candidato a membro della Commissione UE. Šefčovič, 52 anni, oggi vice presidente della Commissione europea per l’Unione energetica, arrivato al terzo mandato e oltre dieci anni di permanenza nel ‘governo’ dell’UE, è uscito con le ossa rotte dalla recente campagna presidenziale in Slovacchia, dove è stato sconfitto da Zuzana Čaputová, nonostante – o forse proprio a sua causa – il sostegno del partito Smer-SD.

Il primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD) ha annunciato alcuni giorni fa in una audizione alla commissione parlamentare per gli Affari europei, che il suo governo probabilmente nominerà nuovamente Šefčovič alla Commissione europea. Pellegrini ha aggiunto che vorrebbe ancora per Šefčovič una poltrona da vicepresidente. Pellegrini ha detto di avere «indicato ai rappresentanti più alti dell’Unione europea che Maroš Šefčovič è il principale candidato del governo», forse, ha aggiunto, «anche come candidato per una delle posizioni più alte» all’organo esecutivo dell’UE. Secondo il premier, anche gli altri paesi di Visegrad lo apprezzano.

Ma l’opposizione non ci sta, e il partito liberale SaS dice che per la nomina del membro slovacco della Commissione europea il governo di Bratislava dovrebbe prima parlarne con i partiti di opposizione. Secondo Libertà e Solidarietà, Šefčovič ha tradito, durante la campagna presidenziale, i valori professati dai socialdemocratici europei. Inoltre, la sua campagna è stata la più costosa e con un basso grado di trasparenza. Richard Sulik, leader di SaS, primo partito di opposizione, dice di non comprendere come Pellegrini, che del resto tra meno di un anno se ne andrà a casa, possa avere fatto seriamente il nome di Šefčovič per occupare una poltrona in UE per i prossimi cinque anni.

La nuova composizione della Commissione europea, un membro per ogni paese, sarà formata dopo le elezioni europee del 25-26 maggio.

(La Redazione)

Foto europapont cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.