Viktor Stromček, uno degli uomini di punta di Smer, nella bufera per messaggini con Kočner

Ha lasciato il suo incarico a fine aprile senza darne alcuna comunicazione il direttore generale del partito Smer-SD Viktor Stromček, apparentemente per andare a fare affari nel settore privato, come aveva annunciato tempo fa. Ma secondo diverse voci, a causa di sms quanto meno imprudenti scambiati con quello che è l’uomo più “pericoloso” di Slovacchia in questo momento, Marian Kočner, un tempo potente e oggi in carcere con diverse incriminazioni pesanti (tra le quali l’omicidio di Ján Kuciak e della fidanzata Martina) e altre inchieste a suo carico che possono portare a nuovi clamorosi risvolti.

Stromček nega queste supposizioni, e ricorda di avere già detto nel 2015 che una volta colcluso il processo di attuazione del “più grande progetto di investimento in Europa centrale”, vale a dire l’insediamento di Jaguar Land Rover in Slovacchia, egli avrebbe lasciato la politica per dedicarsi ad attività private. La scadenza prevista del 2018 ha poi subito una dilaizone a causa della sua nomina come direttore generale di Smer.

Il presidente di Smer-SD Robert Fico, ringraziando Stromček per il suo lavoro nel partito, lo ha difeso da quella che definisce un’altra campagna di fango nei confronti di Smer-SD. Secondo il capo del partito di opposizione Gente ordinaria e Personalità indipendenti (OĽaNO) Igor Matovič, Stromček se n’è andato perché sapeva che la comunicazione con Kočner sarebbe stata presto resa pubblica.

Della questione si sta interessando anche l’ufficio del Procuratore generale su ordine del PG Jaromír Čižnár alla procura regionale di Bratislava, allo scopo di verificare se ci siano reati da investigare. Nei messaggi, rinvenuti nell’ambito dell’inchiesta dell’Agenzia Nazionale Criminale (NAKA) sugli omicidi di Kuciak e Kušnírová e risalenti al 6 giugno 2017, messaggi che sono stati pubblicati da alcuni media un paio di giorni fa, l’ex deputato e segretario di Stato al ministero dei Trasporti avrebbe chiesto aiuto all’uomo d’affari per avere informazioni su una indagine giudiziaria cui evidentemente teneva. Kočner, che era in contatto con diversi alti funzionari della magistratura, ha promesso di interessarsene.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.