Governo nei distretti di Vranov e Trebišov per verificare lo stato dei piani di sviluppo

Il consiglio dei ministri slovacco ha svolto questa settimana due riunioni fuori sede, in due località che sono comprese nell’elenco dei distretti poco sviluppati. Il 14 maggio ad Hanušovce nad Topľou, facente parte del distretto di Vranov nad Topľou, regione di Prešov, il governo ha rivendicato la creazione di 980 posti di lavoro nell’ambito del piano d’azione per lo sviluppo del distretto lanciato nel 2016. Il vice premier Richard Raši (Smer-SD) ha ricordato che il budget previsto dal piano d’azione è di 130 milioni di euro. Nel distretto «sono già stati stipulati contratti per oltre 90 milioni di euro da fondi europei e strutturali. L’obiettivo era di arrivare ad almeno 50 milioni di euro, ma l’attività nel distretto è stata molto più positiva del previsto, secondo Raši. La disoccupazione nel distretto era superiore al 18%, mentre oggi si attesta al 13%. Il piano prevede che il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere ancora all’11,69% entro la fine del 2020, quando dovrebbero essere stati creati 2.545 posti di lavoro. Oggi sono già più di 2.200 i nuovi posti di lavoro creati, 980 solo nell’ultimo anno.

Il giorno successivo, 15 maggio, la sessione governativa si è spostata a Trebišov, nella regione di Košice, dove il primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD) ha distribuito 1,25 milioni di euro dalla riserva di bilancio per le necessità del distretto, per il quale il governo Fico aveva lanciato un piano di sviluppo sempre nel 2016. Della somma stanziata, 130.000 verranno destinati al completamento dello stadio della città capoluogo Trebišov, e il resto andrà in diverse opere pubbliche dei comuni dei dintorni.

(Red)

Foto trebisov.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.