Sei anni all’omicida che ha aggredito Henry Acorda nel centro di Bratislava

Il tribunale distrettuale di Bratislava I ha condannato a sei anni Juraj H., 28 anni di Dunajska Streda per l’aggressione al cittadino filippino Henry Acorda causandone la morte pochi giorni dopo in ospedale. Il condannato, che al momento del fatto era ubriaco, dovrà inoltre sottoporsi dopo il rilascio a un trattamento terapeutico contro la dipendenza da alcol. La corte ha concordato con il parere di un perito secondo il quale il convenuto ha commesso l’omicidio in uno stato di sanità mentale ridotta. Ma secondo la perizia psicologica, la sua aggressività non è dominante, e l’imputato avrebbe discrete possibilità di ritornare a vivere nella società senza conseguenze per gli altri. La corte ha infine raccomandato alla difesa di chiedere con una mozione civile un risarcimento al condannato.

Il reato di omicidio preterintenzionale prevede in Slovacchia una pena da 7 a 10 anni, e il pubblico ministero aveva chiesto per l’imputato la pena minima in considerazione anche delle attenuanti generiche, come il fatto che l’aggressore non sia fuggito dalla scena del reato e che ha reso piena confessione. Inoltre, Juraj H. nella sua difesa finale ha dichiarato di essere pentito del suo atto.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

La notte di sabato 26 maggio 2018 Henry Acorda stava passeggiando in via Obchodna a Bratislava con una amica. Sulla loro strada è comparso Juraj H., e Acorda ha reagito alle avance dell’uomo con la donna. Juraj H. lo ha aggredito gettandolo a terra e dandogli un calcio in testa, il che gli ha causato una commozione cerebrale. Poi, appoggiato un piede sul corpo dell’uomo a terra, ha scattato una fotografia come si fa con un trofeo a un safari. Dopo cinque minuti è intervenuta una pattuglia di polizia. Arrestato, l’uomo è stato poi rilasciato dopo la mancata convalida del fermo, e l’incriminazione era stata commutata in aggressione con danni fisici. Sabato 2 giugno la polizia lo ha però di nuovo arrestato su ordine della Procura generale, e questa volta accusato di omicidio colposo. Lunedì 4 giugno gli è stata confermata la detenzione cautelare in attesa di giudizio con sentenza del tribunale distrettuale Bratislava I. Nel frattempo, il filippino è morto il 31 maggio in ospedale. Secondo i medici, Acorda ha avuto un aneurisma cerebrale, cioè l’indebolimento delle pareti delle arterie cerebrali, una infermità molto probabilmente intervenuta prima dell’aggressione.

Il fatto aveva scosso la comunità di stranieri che vive a Bratislava. Henry John Serafica Acorda, 36 anni, lavorava da anni in città al centro servizi internazionali IBM ed era conosciuto come una persona gentile e disponibile con tutti. Dopo il funerale cattolico nella chiesa di San Ladislav a Bratislava, la salma di Acorda è stata portata in patria dalla famiglia con un aereo governativo disposto dal ministro dell’Interno slovacco.

(La Redazione)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.